Le crociere della compagnia Msc tornano ad Ancona, a dispetto di chi remava contro, per garantire la stagione 2021. Sbloccate, l’altra sera, le incertezze e gli ultimi dettagli sull’imminente stagione, al netto di quanto sarà concesso dalle regole in materia di emergenza pandemica e di contrasto al contagio da Covid. Una notizia che supera e aggiorna le voci di annullamento ad Ancona del calendario crocieristico da parte della compagnia di navigazione. Certo non sarà una stagione alla massima potenza come quelle precedenti al 2020, ma quest’anno sarà possibile programmare un certo numero di toccate grazie ai progressi fatti dalla campagna...

Le crociere della compagnia Msc tornano ad Ancona, a dispetto di chi remava contro, per garantire la stagione 2021. Sbloccate, l’altra sera, le incertezze e gli ultimi dettagli sull’imminente stagione, al netto di quanto sarà concesso dalle regole in materia di emergenza pandemica e di contrasto al contagio da Covid.

Una notizia che supera e aggiorna le voci di annullamento ad Ancona del calendario crocieristico da parte della compagnia di navigazione. Certo non sarà una stagione alla massima potenza come quelle precedenti al 2020, ma quest’anno sarà possibile programmare un certo numero di toccate grazie ai progressi fatti dalla campagna vaccinale a livello mondiale. Non sono da escludere, inoltre, gli attracchi di altre compagnie del settore cruise.

Si rinnova, dunque, l’ottimo rapporto tra Msc Crociere e lo scalo dorico dopo la lunga partnership. Con ogni probabilità cambierà la banchina di approdo delle navi, l’idea è quella di utilizzare quella dove in piena pandemia è stata attraccata la Costa Magica, tra marzo e aprile 2020.

Si tratta della lunga banchina, dalla 19 alla 21, dove si trovavano i silos granari, poi abbattuti tra 2019 e 2020: "E’ la notizia che aspettavamo – è il commento del presidente dell’Autorità di sistema, Rodolfo Giampieri –, dopo aver dovuto rinunciare alla stagione crocieristica dello scorso anno per lo stop mondiale alle navi da crociera, adesso siamo pronti a cogliere i primi segnali di rinascita per Ancona e per tutto il turismo delle Marche. Ringrazio tutte le persone che hanno lavorato a questo fondamentale ritorno, Ancona dimostra sempre il suo lato migliore nell’affrontare i problemi complessi".

Sulla stagione crocieristica interviene anche il comandante della Capitaneria di porto di Ancona, l’ammiraglio Enrico Moretti, a cui spetta la gestione dell’operatività degli attracchi e della logistica in porto: "Esiste la concreta possibilità di utilizzare le banchine 19, 20 e 21 del porto, quelle dietro ai silos demoliti, anche per navi di lunghezza fino a 300 metri a determinate condizioni. Che ciò sia attuabile nella massima sicurezza lo dimostra l’ormeggio avvenuto presso quelle banchine nel 2020 da parte della nave Costa Magica, la cui dimensione longitudinale (272 metri) ha impegnato solo parte della lunghezza complessiva disponibile, pari a 420 metri. Siamo già al lavoro, assieme all’Authority, per individuare altri soggetti pubblici competenti per garantire le procedure di security portuale conseguenti al possibile attracco di certe tipologie di vettore in quel tratto del porto".

L’impegno costante dell’ultimo periodo tra Autorità portuale, Capitaneria compagnia di navigazione Msc Crociere ha permesso di superare le criticità da affrontare in questo che è un periodo ancora difficile per le conseguenze dell’emergenza sanitaria. Nella serata di giovedì una telefonata fra i massimi vertici del porto e della compagnia ha sbloccato la situazione consentendo di programmare gli attracchi nello scalo dorico per i prossimi mesi anche se in condizioni di eccezionalità.

L’utilizzo della nuova collocazione per l’attracco sarà momentaneo, ovvero per il periodo della pandemia, anche perchè l’area dove c’erano i silos in futuro accoglierà i traghetti che saranno spostati dalle attuali banchine.