Ecco l’altra capitale del Fado A Senigallia gli artisti di Lisbona

Prende il via domani il festival che ospiterà tra gli altri Jorge Fernando e Vania Duarte. Il primo luglio c’è Ovadia

Ecco l’altra capitale del Fado  A Senigallia gli artisti di Lisbona

Ecco l’altra capitale del Fado A Senigallia gli artisti di Lisbona

Torna a Senigallia, da domani a venerdì, il Festival Internazionale del Fado, che ha creato un ideale ponte tra Mediterraneo e Oceano Atlantico. Non è un caso che lo slogan di quest’anno è "Senigallia, l’altra capitale del fado". I richiami alla prima, Lisbona, saranno tantissimi. Da lì arriveranno molti artisti a cominciare da Jorge Fernando, il chitarrista che ha accompagnato per anni Amalia Rodrigues, per proseguire con la grande cantante Vania Duarte e con Custodio Castelo e il suo trio. Ma al direttore artistico Marco Poeta (che si esibirà insieme a Daniele Di Bonaventura con un omaggio al fado di Coimbra di Carlos Paredes) sono sempre piaciute le commistioni tra generi musicali, e addirittura, tra varie forme d’arte. Ecco allora le sonorità mediterranee con il Nando Citarella Micky Piperno duo", il cantautorato di Massimo Bubola, la classe del bassista e contrabbassista Ares Tavolazzi e la musica popolare con la Oneiric Folk, la band di Adriano Taborro. Domani (ore 17) sarà inaugurata alla Biblioteca Antonelliana la mostra ‘Là dove è nato il fado’, con disegni di Michela Zasio e foto di Marco Poeta dedicate a Lisbona.

Il 1 luglio il festival ospiterà Moni Ovadia, attore, cantante, scrittore e persona ‘impegnata’. I concerti in Piazza Roma inizieranno alle 21.30 (ingresso libero). Si inizia giovedì con il Custodio Castelo trio insieme a Jorge Fernando e il duo Nando Citarella-Micky Piperno. Venerdì sarà la volta del Vania Duarte quartet, di Bubola e di Tavolazzi. Si chiude l’1 con l’omaggio a Carlos Paredes di Poeta e Di Bonaventura, con la partecipazione straordinaria di Ovadia e gli Oneiric Folk. Il Centro Culturale di Potenza Picena, presieduto da Mauro Mazziero, ha curato l’organizzazione, mentre l’associazione di tour operator Senigallia incoming ha collaborato creando pacchetti turistici appositi per venire a seguire il festival.