Quotidiano Nazionale logo
3 mag 2022

Elezioni e Fondazione Carifac, è scontro

Verso le comunali, la candidata Ghergo del centrosinistra e il sindaco uscente Santarelli attaccano Sorci: "Stiano tranquilli, mi dimetto"

Roberto Sorci, il secondo da destra, lascerà il cda della Fondazione
Roberto Sorci, il secondo da destra, lascerà il cda della Fondazione
Roberto Sorci, il secondo da destra, lascerà il cda della Fondazione

"Io l’ho fatto. Sorci si dimetta". La questione degli incarichi all’interno della Fondazione Carifac riaccende la campagna elettorale nella città della carta. Nel mirino ci finisce l’ex sindaco Roberto Sorci attaccato sia dalla candidata del centrosinistra Daniela Ghergo che dal sindaco uscente Gabriele Santarelli che deve ancora annunciare chi sarà al suo posto il candidato del movimento 5 stelle oggi al governo della città.

"Se qualcuno se lo fosse dimenticato o se fosse sfuggito – rimarca il primo cittadino, l’articolo 4 codice etico della Fondazione Carifac recita: ‘Analogamente i componenti dei predetti organi si impegnano ad assicurare una discontinuità temporale - pari ad almeno 12 mesi - tra la cessazione della carica negli organi della Fondazione e l’assunzione di incarichi politici’. Gli ‘organi’ da articolo 9 dello Statuto sono: l’assemblea dei soci, l’organo di indirizzo, il consiglio di amministrazione, il presidente e il collegio dei revisori". "Preciso – fa sapere Daniela Ghergo (Coalizione democratica) – di aver già presentato le mie dimissioni da socio all’assemblea del 26 aprile scorso. La mia scelta di candidarmi a sindaco, mettendo a disposizione la mia esperienza personale e professionale, mi ha imposto l’obbligo morale, per rispetto della Fondazione Carifac e trasparenza verso i cittadini elettori, di dimettermi da socio, pur non avendo firmato alcuna dichiarazione di impegno a non candidarmi come viene invece previsto per le altre cariche sociali diverse da quella di semplice socio. Ho pertanto chiesto che anche l’altro candidato sindaco Sorci, che ha le massime responsabilità di gestione rispetto ad un semplice socio - essendo componente del Cda ed esercitando quindi un ruolo con poteri dispositivi del patrimonio della Fondazione - proceda a presentare le proprie dimissioni, che sono imposte dallo statuto e dal regolamento, oltrechè dall’impegno a non candidarsi sottoscritto dallo stesso Sorci. Lo invito di nuovo a farlo, nel rispetto del principio di trasparenza e correttezza verso le istituzioni e i cittadini". "L’avvocato Ghergo e il sindaco Santarelli, non si preoccupino per le mie dimissioni dalla Fondazione Carifac, che avverranno al momento del deposito in Comune delle liste che ricordo è il momento in cui le candidature saranno effettive (la scadenza è il 13 maggio, ndr). Fino a quel momento sono solo chiacchiere. Infatti è in quel momento che entra in vigore l’articolo 15 comma 1 dello statuto della Fondazione Carifac che stabilisce le cause generali di decadenza. Per quanto mi riguarda ho già fatto presente a chi di dovere la questione. Quindi possono stare sereni e a entrambi, consiglio di evitare paroloni come: trasparenza, correttezza, etica e simili".

Sara Ferreri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?