SARA FERRERI
Cronaca

Fabriano, scippo alla stazione: beccato ad Alessandria l'autore: ecco il foglio di via

Dopo le indagini e la denuncia del commissariato, arriva il provvedimento del questore: il 40enne non potrà mettere piede nella città della carta per tre anni

In azione la polizia

In azione la polizia

Fabriano (Ancona), 14 giugno 2024 - Dopo mesi, rintracciato ad Alessandria l’autore dello scippo avvenuto alla stazione ferroviaria della città della carta nella notte tra il 20 ed il 21 novembre scorso. Per lui, già denunciato un foglio di via del questore: per tre anni non potrà mettere piede a Fabriano. In quel frangente, un fabrianese in attesa del treno, aveva collegato il cavo di ricarica del proprio smartphone alla presa di corrente presente nell’atrio-biglietteria della stazione. L’uomo si era addormentato ed era stato svegliato di soprassalto sentendosi strappare il borsello che aveva tracolla. Il malfattore si era appropriato dello smartphone in ricarica. Ripresosi dallo choc, il fabrianese 50enne ha iniziato a inseguire il ladro nel piazzale della stazione ferroviaria. Ha poi tentato di arrestare la marcia del veicolo sulla quale era salito (un’auto alla cui guida vi era un complice) ponendosi al centro della sede stradale. In quei momenti ha visto che il borsello ed il portafogli contenuto erano stati gettati via dall’auto in corsa. L’auto non accennava a a fermarsi e proseguiva la sua corsa ed avrebbe certamente investito il derubato se non si fosse gettato di lato. Il malvivente e il complice si sono così dileguati. Nel corso della mattinata successiva, il derubato ha sporto denuncia di al commissariato di pubblica sicurezza di Fabriano: i poliziotti, dopo rapidissime indagini eseguite anche con la raccolta di immagini riprese dai circuiti di videosorveglianza presenti nella zona, hanno individuato in una frazione del Fabrianese, l’auto in uso agli autori del fatto, parcheggiata nei pressi di una abitazione. Dopo un appostamento durato oltre un’ora, dall’abitazione è uscito un uomo che si è diretto in direzione dei veicolo: immediatamente fermato dagli agenti, questi, un cittadino comunitario di 31 anni, da qualche tempo abitante nel fabrianese, già alle prime contestazioni, ammetteva gli addebiti consentendo il recupero dello smartphone rubato. Era il conducente della autovettura fuggitiva. Del materiale autore dello scippo, però, nessuna traccia: per questo sono state diramate ricerche in ambito nazionale. Entrambi sono stati comunque denunciati all’autorità giudiziaria. Dopo mesi, il ricercato è stato rintracciato ad Alessandria, in Piemonte: l’ufficio di polizia procedente ha provveduto alla sua completa identificazione ed alle formalità giudiziarie di rito. E’ risultato essere un cittadino comunitario di 40 anni, privo di residenza anagrafica sul territorio nazionale, non nuovo a reati contro il patrimonio. Nei suoi confronti, il questore di Ancona Cesare Capocasa ha emesso un foglio di via obbligatorio dal Comune di Fabriano per tre anni durante i quali il soggetto, qualora venisse trovato in città o in ambito comunale, sarebbe ulteriormente segnalato alla Procura con la previsione della reclusione da 6 a 18 mesi e una multa fino a 10mila euro.