Il sindaco Massimo Bacci
Il sindaco Massimo Bacci

Jesi (Ancona), 23 febbraio 2021 – “Alla fine il focolaio sviluppatosi in Comune è arrivato anche a me. Malgrado sia stato estremamente scrupoloso, sono infatti risultato positivo al tampone, al pari di alcuni mei collaboratori”. Così stamattina via Facebook il sindaco Massimo Bacci che nelle ultime ore ha avvertito alcuni sintomi tipici del virus. Come lui almeno quattro dipendenti comunali.

La Mancinelli non chiude le scuole: "Interveniamo solo in caso di focolai" - Zona arancione Marche: le regole per venti comuni della provincia di Ancona

“Sto abbastanza bene – rassicura il primo cittadino - e continuerò il mio lavoro da casa. Resto sempre più convinto dell’opportunità della decisione assunta con misure più stringenti per contenere questo subdolo contagio. E rinnovo l’invito a tutti per la massima attenzione e collaborazione”.

Sabato il sindaco Bacci, unico della provincia di Ancona (che risultava quinta per contagi in Italia) ha deciso di trasformare il territorio comunale da giallo in arancione per oltre una settimana. Appena 24 ore dopo il governatore Francesco Acquaroli ha trasformato in arancione 20 Comuni della provincia. A Jesi però l’ordinanza che pure ieri si è allineata su quella regionale è più restrittiva: chiuse le scuole medie e superiori e anche i parchi e le aree giochi.