Gli operai al lavoro per creare i primi fori dove fissare la fontana
Gli operai al lavoro per creare i primi fori dove fissare la fontana
Fontana dei leoni, effettuati ieri mattina da alcuni tecnici rilievi e sondaggi sia in piazza Federico II che in piazza della Repubblica. I fori effettuati dai tecnici al centro di piazza della Repubblica (dove ora si trova l’abete di Natale) fanno scattare l’allarme in città dove si teme che la velocità con cui si sta procedendo voglia impedire il referendum abrogativo a cui stanno lavorando Jesi in Comune e Pd con grande partecipazione anche di comuni cittadini che non vorrebbero cambiare...

Fontana dei leoni, effettuati ieri mattina da alcuni tecnici rilievi e sondaggi sia in piazza Federico II che in piazza della Repubblica. I fori effettuati dai tecnici al centro di piazza della Repubblica (dove ora si trova l’abete di Natale) fanno scattare l’allarme in città dove si teme che la velocità con cui si sta procedendo voglia impedire il referendum abrogativo a cui stanno lavorando Jesi in Comune e Pd con grande partecipazione anche di comuni cittadini che non vorrebbero cambiare l’identità delle due piazze principali del centro storico.

"Dando seguito alle decisioni assunte nell’ultima seduta del Consiglio – spiegano dall’amministrazione comunale - il personale dell’Area servizi tecnici ha effettuato alcuni sopralluoghi tecnici in piazza della Repubblica e in piazza Federico II. Nella prima sono stati effettuati sondaggi al di sotto della pavimentazione per predisporre la relazione geologica preliminare alla progettazione; nella seconda sono stati effettuati i rilievi geometrici della fontana tramite fotoscanner finalizzati alle successive elaborazioni progettuali". Utilizzato per i rilievi di piazza Federico II anche un drone.

Tempi di intervento molto rapidi se si considera che il via libera del consiglio è arrivato appena una settimana prima, piuttosto rari per un cantiere pubblico. L’impressione è che la giunta Bacci, determinata ad andare avanti e consapevole dei rischi che un referendum abrogativo potrebbe comportare nella perdita del lascito di 2 milioni di euro, voglia bruciare sul tempo i tempi di un’eventuale consultazione popolare. In città e in rete la contrarietà all’operazione si fa sempre più forte: sui social è un continuo scorrere di vignette satiriche e fotomontaggi sul ritorno della fontana in piazza dopo 71 anni.

Persino la "Vulvia" di Guzzanti scende in piazza Federico II con il suo indice puntato: "Monumenti erranti? – chiede al suo pubblico di ‘Rieducational Channel’ -. Ma se ne vanno da soli o c’è bisogno di uno spostatore seriale. Può un uomo da solo riuscire a farlo? Sapevatelo".

Tanti i fotomontaggi della fontana con l’obelisco nelle piazze d’Europa e persino in una spiaggia caraibica.

A questi il presidente del Consiglio Daniele Massaccesi risponde con la foto di Place Vendome di Parigi come "esempio – spiega - di piazza con obelisco ed altro al centro, ma con alberi di Natale, a dimostrazione che tutto è possibile. Il meglio per la città lo puoi sempre pensare, cercare e realizzare. Anche a Jesi".

Sara Ferreri