Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
21 mag 2022

Osimo, il biscottificio Frolla torna a Bruxelles

Il biscottificio che dà lavoro ai ragazzi disabili torna al Parlamento Europeo

21 mag 2022
I ragazzi di Frolla a Bruxelles
I ragazzi di Frolla a Bruxelles
I ragazzi di Frolla a Bruxelles
I ragazzi di Frolla a Bruxelles

Osimo, 21 maggio 2022 - Giorni di grande fermento ed emozione in casa Frolla. La cooperativa marchigiana fondata da Jacopo Corona e Gianluca Di Lorenzo e che dà lavoro a 18 ragazzi disabili, è stata appena ricevuta al Parlamento Europeo di Bruxelles. L’invito è arrivato da Pietro Bartolo e dalla delegazione dei Socialisti democratici. Dopo la visita guidata, si è tenuta una tavola rotonda sui temi della disabilità e dell’inclusione lavorativa oltre al racconto del progetto e delle attività svolte in questi primi quattro anni di vita di Frolla.

La delegazione è stata ricevuta anche dall’ufficio regione Marche presente a Bruxelles, così da aprire un dialogo su come il Parlamento può attivarsi per supportare progetti legati all’inserimento nel tessuto lavorativo dei ragazzi diversamente abili.

Lo scorso anno Frolla Microbiscottificio ha vinto il premio “Cittadino Europeo” per la volontà di offrire opportunità di inclusione sociale e lavorativa ai disabili. Il premio, dal valore simbolico, è stato consegnato a Bruxelles il 9 novembre 2021 e il biscottificio ha conquistato la vittoria per l'Italia. Considerate le restrizioni legate alla pandemia, la visita al Parlamento Europeo fu rimandata.

E’ stato possibile recuperare grazie all’impegno di Pietro Bartolo e degli europarlamentari Giuliano Pisapia, Andrea Cozzolino, Franco Roberti, Simona Bonafè, Alessandra Moretti, Camilla Laureti e Irene Tinagli. «È stata una grande emozione per me ma in generale per tutti i ragazzi essere invitati al Parlamento Europeo – commenta Jacopo Corona, co-founder di Frolla -. È un premio al nostro lavoro ma soprattutto alla passione e all’energia dei nostri ragazzi che ogni giorno ci rendono sempre più orgogliosi di loro».
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?