Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

"Giocatore sopraffino, estimatore dei giovani Aveva visione e passione"

18 giu 2022
Quando giocava con la «Castel»
Quando giocava con la «Castel»
Quando giocava con la «Castel»
Quando giocava con la «Castel»
Quando giocava con la «Castel»
Quando giocava con la «Castel»

La morte di Alberto Catani e della compagna ha gettato nello sconforto dirigenti, calciatori e tifosi di ogni società calcistica del territorio. Dovevano essere giornate di pace e relax in attesa di tuffarsi nel mercato estivo. Doveva essere il mese del meritato riposo, delle strategie per pianificare la prossima stagione. Nulla di tutto ciò. L’estate del calcio nostrano non poteva iniziare peggio. Toccante il ricordo delle società nelle quali Alberto ha militato; la Biagio Nazzaro ha manifestato via social il proprio cordoglio per la morte di Catani. "La Biagio Nazzaro piange la scomparsa di Alberto Catani, 41 anni, centrocampista dalla classe cristallina ex Fano e Vis Pesaro, indossò i colori rossoblù in Eccellenza nel 2005 per un breve periodo e nel 2006. Alla famiglia vanno le più sentite condoglianze di tutto l’ambiente biagiotto". Anche la Castelfrettese ha manifestato la propria vicinanza, dedicando un post a Catani. "Ex centrocampista di livello sopraffino, aveva vestito i colori biancorossi da giocatore nella stagione 20072008 in Eccellenza. Tornato poi in biancorosso, è stato fautore di ottime annate da mister degli Allievi, giunti con lui per due volte consecutive alle fasi regionali. Grande estimatore dei giovani, con cui amava lavorare e trasmettere passione, non esitò a dare loro fiducia nella sua esperienza come allenatore della prima squadra. Le nostre più sentite condoglianze alla famiglia. Ciao Alberto". Messaggi molto toccanti anche dal Senigallia Calcio e dall’ Olimpia Marzocca, dal Fano, squadra nella quale militò nel 9798 e dal Montemarciano. Solo per citare alcuni dei numerosi attestati di stima e cordoglio rivolti ad un uomo di sport che ha lasciato il segno ovunque.

Nicolò Scocchera

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?