Il poliambulatorio di Collemarino. Svolta nelle parole di Mazzieri (Ast 2): "Non chiude, ha solo perso un’unità"

Il direttore sociosanitario: "Si tratta di una situazione momentanea, faremo di tutto per ripristinare quella figura. Per un po’ i cittadini potranno contare su due giorni: reclutare il personale è difficile".

Il poliambulatorio di Collemarino. Svolta nelle parole di Mazzieri (Ast 2): "Non chiude, ha solo perso un’unità"

Il poliambulatorio di Collemarino. Svolta nelle parole di Mazzieri (Ast 2): "Non chiude, ha solo perso un’unità"

Poliambulatorio di Collemarino, l’Azienda sanitaria territoriale 2 di Ancona conferma la rimozione di una figura professionale, ma solo in forma temporanea. Intanto a breve via alla manifestazione d’interesse per trovare la nuova e futura sede del Poliambulatorio, con quella attuale il cui contratto scadrà nel febbraio 2025. A parlare è il direttore sociosanitario di Ast 2, Massimo Mazzieri: "Il centro non sarà chiuso o indebolito, non c’è alcuna intenzione in tal senso. Dal giugno scorso, effettivamente, è stata tolta un’unità infermieristica in servizio a Collemarino _ spiega Mazzieri _, ma si tratta di una situazione momentanea. Faremo di tutto, anzi siamo certi che più avanti quella figura sarà ripristinata. Per qualche tempo invece di avere tre giorni di copertura i residenti del quartiere e di quelli limitrofi potranno contare su due, il martedì e il giovedì, ma ripeto, a scanso di qualsiasi equivoco, quell’unità verrà recuperata. Confermo che l’unità tolta verrà utilizzata nelle Cot (Centrali operative territoriali, la nuova struttura sanitaria presentata dalla Regione la settimana scorsa, attiva dal 1° luglio, ndr.)". Al Poliambulatorio di Collemarino c’è la base del servizio di cure domiciliari, la fisioterapia, un medico di medicina generale e un punto prelievi. Previsto anche l’Umee (Unità multidisciplinare dell’età evolutiva). I residenti del quartiere, che nei giorni scorsi hanno avviato una raccolta firme e organizzato un presidio lamentano anche la carenza della fisioterapia: "In quel punto sanitario ne è previsto uno e può capitare che qualche volta durante l’anno, tra ferie e malattia, il fisioterapista non ci sia. Il reclutamento del personale è sempre più complesso, è difficile trovarne, non ci sono più i concorsi pieni di una volta _ aggiunge il direttore sociosanitario di Ast 2 _. Detto questo, a volte trovo esagerate le preoccupazioni delle persone, anche se in generale le capisco e le ritengo legittime. Voglio chiarire una volta per tutte che il Poliambulatorio di Collemarino non chiuderà, sarà solo ridotto nei servizi per un tempo determinato poi tornerà come prima. Mi lasci dire della sede. La manifestazione d’interesse per quella nuova, dopo la fine del contratto di locazione attuale, la potevamo avviare in autunno visto che la scadenza è febbraio; a conferma della nostra volontà di non chiudere Collemarino la attiveremo sicuramente entro luglio". Sulla vicenda interviene anche il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale, Jacopo Toccaceli: "Non abbiamo bocciato la mozione della minoranza, ma semplicemente rispedito a mittente un documento senza senso alcuno che tendeva solamente ad alimentare polemiche e disinformazione. L’assessore Caucci aveva comunque interloquito con il Direttore e del fatto ne aveva dato anche lei ampia comunicazione in aula".

Pierfrancesco Curzi