Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

"Inammissibile che l’Asur continui a violare sentenze"

18 giu 2022

Il primo suicidio medicalmente assistito è già un caso, Federico Carboni è morto giovedì alle 11.05 nella sua abitazione, ha premuto un pulsante del macchinario da 5 mila euro, acquistato grazie a una colletta avviata dall’associazione Luca Coscioni, e finalmente è libero. Il capogruppo del Pd Maurizio Mangialardi, si era battuto in regione per facilitare le pratiche burocratiche: "Non è ammissibile e forse neppure umano, - attacca - che l’Asur Marche continui a violare sentenze emesse dai tribunali e a essere continuamente diffidata e denunciata da persone a cui il Comitato etico regionale ha confermato la sussistenza dei quattro requisiti indicati dalla sentenza n. 282 della Corte costituzionale per accedere al suicidio assistito. È avvenuto in tre casi su tre e ciò non può non far pensare a una esplicita volontà politica". Il macchinario è stato donato all’associazione e da ieri chiunque si trovi nelle condizioni di Federico sarà libero di scegliere grazie a lui: "Non era né scontato, né dovuto: per questo Federico merita la gratitudine di tutti noi. E se oggi quella legge è purtroppo ancora lontana, possiamo dire che però, probabilmente, un piccolo passo avanti è stato fatto". Quella che da anni ‘rimbalza’ in Parlamento è ormai una legge obsoleta, Federico, grazie all’associazione, ma soprattutto alla sua caparbietà è riuscito ad andare oltre: "Tempo fa ho avuto modo di incontrare a Senigallia Federico - riferisce Mangialardi - e neanche per un momento ho avuto modo di riscontrare in lui atteggiamenti sprezzanti nei confronti di chi si ostinava a negargli ciò che la legge invece gli permetteva. Alle prevaricazioni subite opponeva la serenità e la determinazione di chi sa di essere dalla parte della ragione, - conclude - di chi sa che la vita intrappolata per lunghi anni su un letto non è vita. Un’altra lezione che spero serva a raggiungere quanto prima l’obiettivo per cui si è battuto".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?