Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 giu 2022

Incidente Marina di Montemarciano, lo zio di Alberto Catani: "L’aperitivo. Poi la morte"

L'ex calciatore e la compagna investiti e uccisi sul lungomare. Lo zio Aldo non riesce a darsi pace: "In campo era un numero dieci"

18 giu 2022
giacomo giampieri
Cronaca
featured image
Nel riquadro, Alberto Catani
featured image
Nel riquadro, Alberto Catani

Marina di Montemarciano (Ancona), 18 giugno 2022 - "Ci siamo sentiti alle 20.30. Mi aveva detto che sarebbe uscito con la compagna per un aperitivo sul lungomare. Poi si sono protratti per cena. Ed è successo qualcosa di inimmaginabile. Non realizzeremo mai, Albertino". La voce di Aldo Nicolini, zio di Alberto Catani (foto), viene interrotta a più riprese dalla commozione. Troppo difficile, all’indomani del tragico investimento, anche solo trovare la forza di esprimere qualche pensiero. "Siamo lacerati dal dolore, distrutti. Alberto stava da poco con la sua compagna, ma si trovavano bene. Erano riservati. Non è possibile che sia finita così". Alberto lascia il fratello più grande Andrea, la mamma Eulalia e il papà Antonio. Era un ragazzo d’oro. Aveva conosciuto qualche tempo fa Stefania, pugliese verace, che aveva scelto di trasferirsi nelle Marche, e in particolare a Marina di Montemarciano dove Catani era nato e cresciuto, per una nuova parentesi di vita. Che fino a quella maledetta notte di giovedì era serena e felice. "Era un venditore incallito - continua Aldo pensando al nipote - nato per fare questo mestiere. Tant’è che aveva dovuto lasciare temporaneamente il calcio e il ruolo di allenatore perché gli impegni si facevano più gravosi. Vendeva prodotti alimentari, carni a quintali. E stava ottenendo un grande successo". Successo che indubbiamente ha avuto nel mondo del pallone. Si fa fatica a contare i messaggi di amici, compagni e avversari di mille battaglie e società sportive di tutte le Marche (ma non basta), che lo stanno ricordando con pensieri carichi di affetto: "In campo era un "10" puro, un centrocampista forte - è ancora lo zio che parla - Una qualità incredibile, un mancino da fare invidia. La specialità della casa erano le punizioni. Era fenomenale. Ricordiamo con affetto quando è partito a soli 14 ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?