SARA FERRERI
Cronaca

Jesi, accetta l'affare: tre auto a 70mila euro. Ma era una truffa: 30enne denunciato

Il presunto venditore le proponeva prima di una fantomatica asta. I polziotti hanno bloccato il bonifico e trovato il responsabile

In azione la polizia

In azione la polizia

Jesi (Ancona), 4 novembre 2023 – Pensa di comprare tre auto a 70mila euro ma era una truffa. Ieri, al termine dell’attività investigativa, personale di polizia giudiziaria del commissariato jesino ha denunciato in stato di libertà un 30enne di Pordenone per tentata truffa. La vittima, maceratese, è stata contattata da una persona qualificatasi come responsabile vendite autovetture con esperienza pluriennale, che le proponeva un conveniente acquisto di auto prima che le stesse venissero messe all’asta. La vittima, persuasa, accettava l’offerta concordando il prezzo di acquisto di tre auto per un ammontare complessivo di 70mila euro. Ricevuta la fattura l’acquirente ha effettuato il bonifico sull’iban della società. Solo dopo, la vittima si è resa conto che l’Iban della fattura su cui aveva effettuato il bonifico era diverso dall’Iban fornito dall’ignoto truffatore inizialmente. Sporta la querela, gli agenti si sono prodigati a bloccare il bonifico in favore del beneficiario scoprendo altresì come la fattura emessa fosse un falso. Gli accertamenti sull’utenza cellulare utilizzata per le comunicazioni e sull’intestatario dell’Iban hanno consentito di lì a poco di risalire all’identità del truffatore: un trentenne di Pordenone denunciato per tentata truffa.