GIACOMO GIAMPIERI
Cronaca

La mappa in provincia. Si vota in 29 Comuni. Novità terzo mandato. C’è chi può fare il quarto

Amministrative assieme alle Euopee per un Election day l’8 e il 9 giugno. Il doppio turno è previsto solo a Osimo, gli altri Comuni sono più piccoli. Ecco chi ha già deciso di candidarsi per la terza volta. Il caso di San Paolo di Jesi.

La mappa in provincia. Si vota in 29 Comuni. Novità terzo mandato. C’è chi può fare  il quarto

La mappa in provincia. Si vota in 29 Comuni. Novità terzo mandato. C’è chi può fare il quarto

Il successore di Simone Pugnaloni, dopo la decade alla guida del Municipio "senza testa", unica città dov’è previsto il doppio turno considerati i 35mila abitanti. Per tutti gli altri, invece, sarà sfida all’ultima preferenza nei Comuni di medie dimensioni fino a quelli decisamente poco popolosi (uno non supera le mille unità). C’è chi correrà per confermarsi, chi tenterà lo storico exploit di mantenere per quindici anni consecutivi la fascia tricolore e ancora chi, concluso quello che prima di quattro giorni fa è stato un mandato tradizionale di due legislature, lascerà spazio a nuove leve politiche. Da Osimo, il più grande, a Poggio San Marcello, il più piccolo: sono ben 29 i Comuni che andranno al voto i prossimi 8 e 9 giugno. Con non poche novità per gli elettori, dopo il Consiglio dei Ministri di giovedì che ha dato il via libera al cosiddetto "Election day". In quelle due date si voterà per le Europee, ma saranno accorpate anche le elezioni regionali (nei territori che rinnoveranno le Assemblee legislative, Marche escluse perché si tornerà alle urne nel 2025) e soprattutto amministrative. Complessivamente, nella nostra regione, si voterà in 148 Comuni (più della metà dei 225 totali). Tra questi, anche nei capoluoghi di provincia Ascoli Piceno e Pesaro, oltre ad Urbino che ne ha conseguito lo status in quanto tale. L’aspetto più importante del decreto legge, tuttavia, risiede nell’apertura al terzo mandato per i sindaci dei Comuni tra 5mila e 15mila abitanti: in provincia di Ancona c’è il solo caso di Filottrano e della sua sindaca Lauretta Giulioni, eletta per la prima volta nel 2014, blindata nel 2019 e, chissà, magari determinata a competere per il tris. O meglio, ci sarebbero anche altri Comuni di quelle dimensioni (Monte San Vito, Montemarciano, Ostra, Sassoferrato e Trecastelli), ma i primi cittadini, la prossima primavera, completeranno la loro prima legislatura. Da ultimo, il Governo ha ratificato l’eliminazione del vincolo di mandato nei Comuni con popolazione inferiore ai 5mila abitanti. E qui le situazioni sono varie. A Polverigi Daniele Carnevali è pronto a correre per il tris, il vicino di casa di Agugliano, Thomas Braconi, ha già comunicato il passo indietro dopo due mandati. Dovrebbero cercare la tripletta anche Roberto Campelli (Monsano) e Gianluigi Tombolini (Numana). Gli altri non avrebbero ancora sciolto la riserva. A proposito di abolizione dei vincoli di mandato nei Comuni sotto 5mila abitanti. Che farà Sandro Barcaglioni, eletto per la prima volta nel 2009: tenterà, addirittura, il quarto mandato alla guida di San Paolo di Jesi?

Di seguito l’elenco completo dei Comuni dell’Anconetano al voto l’8 e il 9 giugno. Detto di Osimo (doppio turno, in scadenza l’uscente Pugnaloni), ecco i Comuni con meno di 15mila abitanti (tra parentesi i nomi dei sindaci uscenti e il periodo della loro esperienza amministrativa): Agugliano (Thomas Braconi, secondo mandato); Arcevia (Dario Perticaroli, primo mandato); Barbara (Riccardo Pasqualini, primo mandato); Belvedere Ostrense (Sara Ubertini, primo mandato); Camerata Picena (Davide Fiorini, primo mandato); Castelbellino (Andrea Cesaroni, secondo mandato); Castelleone di Suasa (Carlo Manfredi, secondo mandato); Castelplanio (Fabio Badiali, primo mandato); Filottrano (Lauretta Giulioni, secondo mandato); Genga (Marco Filipponi, primo mandato); Mergo (Luca Possanzini, primo mandato); Monsano (Roberto Campelli, secondo mandato); Monte Roberto (Stefano Martelli, primo mandato); Monte San Vito (Thomas Cillo, primo mandato); Montecarotto (Giuseppe Paoloni, primo mandato); Montemarciano (Damiano Bartozzi, primo mandato); Numana (Gianluigi Tombolini, secondo mandato); Ostra (Federica Fanesi, primo mandato); Poggio San Marcello (Giuseppina Spugni, primo mandato); Polverigi (Daniele Carnevali, secondo mandato); San Marcello (Graziano Lapi, primo mandato); San Paolo di Jesi (Sandro Barcaglioni, terzo mandato); Sassoferrato (Maurizio Greci, primo mandato); Serra de’ Conti (Letizia Perticaroli, primo mandato); Serra San Quirico (Tommaso Borri, secondo mandato); Sirolo (Filippo Moschella, primo mandato); Staffolo (Sauro Ragni, primo mandato); Trecastelli (Marco Sebastianelli, primo mandato).