Quotidiano Nazionale logo
11 mag 2022

Le ’balette’, il reperto più prezioso

Una preziosa ricerca storica sulle ’balette’ di Jesi, palline del ‘500 usate per il gioco della Pallacorda, antesignano del tennis attuale: sarà presentata venerdì (ore 18.30), a Palazzo della Signoria. L’iniziativa, organizzata dal Club delle Balette e dal Comune di Jesi, vedrà la partecipazione straordinaria dello storico dell’arte Marco Droghini che per due anni ha lavorato tra i documenti dell’archivio comunale diocesano e altri archivi locali per dare una connotazione storica e sociale della Jesi di quel periodo e del perché la città abbia il reperto più cospicuo al mondo, pur non annoverando casati importanti come Urbino o Mantova, le altre due città che detengono ’balette’. "Sarà l’occasione – spiegano dal Comune - per porre Jesi in un virtuoso circuito di eventi che porteranno ad esaltare la storia e la cultura del nostro Rinascimento e non solo. La contaminazione turistica che ne potrebbe derivare è testimoniata dalla presenza del president du Cercle du jeu de paume de Fontainebleau, di Parigi, Thierry Bernard Tambour".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?