Quotidiano Nazionale logo
5 giu 2021

"Le nostre Saman dimenticate nell’indifferenza"

L’avvocato Andrea Nobili, presidente della Camera minorile di Ancona, mette in guardia: "Anche qui studentesse destinate a nozze forzate"

La giovane Saman, la ragazza pachistana sparita da Reggio Emilia
La giovane Saman, la ragazza pachistana sparita da Reggio Emilia
La giovane Saman, la ragazza pachistana sparita da Reggio Emilia

di Andrea Nobili * La drammatica storia di Saman, la giovane ragazza di origini pakistane, scomparsa nella zona di Reggio Emilia, fa emergere un tema su cui, talvolta, sembra che non ci si voglia confrontare adeguatamente. Quello dei matrimoni forzati è un fenomeno non trascurabile che pone interrogativi scomodi, in una società caratterizzata dal multiculturalismo, soprattutto a chi, come il sottoscritto, si occupa di diritti civili e tutela dei diritti dei minori. La vicenda di Saman, obbligata a un matrimonio contro la sua volontà, non è certo isolato: anche nelle città della nostra regione ci sono ragazze adolescenti, cui viene imposto di unirsi a uomini, spesso più grandi di loro. In taluni casi studentesse, che raccontano a scuola le paure derivanti dal rifiuto di sposare gli uomini con cui sono state costrette a fidanzarsi. Il sistema di protezione dei minori spesso si attiva, anche grazie alla premura di insegnanti che segnalano le situazioni più gravi alle istituzioni competenti. Ma quante sono le situazioni che invece non vengono alla luce? Quante le ragazze costrette ad abbandonare gli studi e “persuase” sin da bambine a vivere una condizione femminile lontana anni luce dalla, giustamente, tanto invocata parità di genere? Un impegno importante quello sulla parità di genere che però, evidentemente, ha figlie e figliastre. Perché quella dei matrimoni forzati rischia di essere solo la punta di un iceberg che naviga in un mare di diseguaglianze. Non è arrivato il momento di accendere un faro sui tanti diritti negati a queste ragazze? Oppure, come dice Marwa Mahomoud, consigliera comunale di Reggio Emilia "si ha timore di intervenire sui temi dei diritti negati alle donne islamiche", perché "si corre il rischio di essere strumentalizzati e additati come razzisti?". E allora, il punto che è necessario affrontare è quello della contrapposizione tra un’idea di comunità fondata su principi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?