Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
17 lug 2022
giacomo
Cronaca
17 lug 2022

"Le nuove leve mantengano la tradizione"

17 lug 2022
giacomo
Cronaca

Giacomo

Giacchetti*

Il mosciolo selvatico è il re di Portonovo, l’elemento principe di questa baia. Una pietanza imprescindibile per tutti quanti fanno ristorazione in questo luogo. Quest’anno abbiamo poco prodotto ma noi cerchiamo sempre di valorizzarlo sulla tavola nelle varie preparazioni, al naturale olio, limone e pepe; nei primi piatti dove facciamo una versione diversa dal tradizionale come il sugo con il guanciale croccante o nella versione cacio e moscioli. Quello che mi sento di dire è che purtroppo abbiamo poco ricambio generazionale per i pescatori di moscioli della Cooperativa che oggi sono solo tre. Sarebbe auspicabile che nuove leve mantengano questa pesca tradizionale che è fondamentale per tutti, ristoratori e singoli cittadini. Se questa pesca nel tempo andasse a morire sarebbe un grande dolore e soprattutto una gravissima perdita per le nostre tradizioni e la nostra cultura locale. C’è sempre una richiesta fortissima di moscioli da parte dei turisti che lo conoscono anche se non sono venuti mai a Portonovo. E’ una pietanza unica che si può gustare veramente solo qui in loco. La nostra attività è stata avviata dai miei nonni nel 1961 qui a Portonovo dove le donne sono state pioniere della gastronomia. I mariti andavano a pesca e quando tornavano, loro realizzavano queste "merende di mare" con i moscioli, spaghetti e da allora siamo partiti per giungere ad oggi, con me, che rappresento la terza generazione di questo ristorante. Il mosciolo è quindi parte integrante della nostra tradizione di famiglia. E’ un unicum che, a quanto so, cresce spontaneo in pochissime parti del mondo. Per questo va mangiato qui, nella Baia, dove è pescato. Ogni mattina i pescatori della Cooperativa di Portonovo ci lasciano sul molo i sacchi di moscioli che poi non portiamo, con una carriola, al nostro ristorante per pulirli e prepararli. Una tradizione arcaica a cui siamo molto legati e che ci consente di avere una cucina a chilometro meno 0. Grazie ai nostri pescatori è un privilegio averlo a disposizione, è raccolto in acque sane e super controllate, subito commercializzato e cotto nei molteplici piatti che ne sanno esaltare il sapore.

* Il Molo

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?