Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
27 mag 2022

L’ex premier Conte contestato dai no vax

Il leader dei 5 Stelle, in città per sostenere la candidatura di Lorenzo Fiordelmondo: "Orgoglioso del mio lavoro"

27 mag 2022
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier
Giuseppe Conte contestato dai no vax,. attimi di tensione. ma anche tanti applausi per l’ex premier

L’ex premier e attuale presidente del Movimento 5 Stelle approda a Jesi per sostenere il candidato Lorenzo Fiordelmondo (collegato da remoto perché contagiato dal Covid) ma viene bloccato da una ventina tra no vax e dai sostenitori di una lista avversaria ‘Lavoro e Libertà’ a sostegno di Paola Cocola. Urla, accuse di aver rovinato la vita (con il green pass) ai cittadini e contestazioni da una parte, applausi e selfie dall’altra. Non sono mancati momenti di tensione tra pro e contro Conte e "i suoi Dpcm". Fatto sta che l’ex premier scortato da polizia e bodyguard e atteso all’Hemingway di piazza delle Monnighette per un "caffè con i cittadini", no si è scomposto ma ha dovuto inizialmente fermarsi in piazza Spontini e poi arretrare. Un blitz al Caffè imperiale per prendere tempo, sorseggiare un caffè e prendere tempo e poi con circa mezz’ora di ritardo l’ex premier, scortato, è potuto entrare in piazza delle Monnighette. Il tempo di prendere la parola dalle scalette che scendono in piazza e da laggiù Marco Gambini Rossano, ideatore della lista lavoro e libertà che microfono in mano e imbracciata una cassa portatile inizia il suo "contro comizio". Prova a sovrastare la voce dell’ex premier. Giusto qualche minuto e poi la polizia lo convince a desistere e allora per Conte arrivano solo applausi ed incoraggiamenti. L’ex premier ha evidenziato il "progetto politico" che unisce la coalizione di centro sinistra (Jesi Respira, che riunisce Europa Verde e M5S, Pd, Jesi in Comune, Repubblicani Europei e Con Senso Civico) guidata da Fiordelmondo. "Sono no vax, convinti assertori di teorie anti scientifiche – sottolinea Conte ai giornalisti rispondendo alle contestazioni –. Questo mi rende ancora più orgoglioso del lavoro fatto con la comunità nazionale. Ci fossimo affidati a loro, saremmo a rotoli". Poi la vertenza Caterpillar: "Un tema che abbiamo preso a cuore, io e la vice ministra Todde. Dovrebbe essere risolto ma continueremo a seguirlo, con la sofferenza economica e sociale che c’è dobbiamo intervenire in ogni situazione critica. Il lavoro che c’è va preservato". E il tema dell’ecologia e dell’ambiente. Conte ha toccato anche il tema dell’Area marina protetta del Conero: "Proteggere il mare della costa del Conero non è un’opzione, ma un dovere". Con lui il senatore jesino M5S Mauro Coltorti, collegato da remoto anche Alfonso Pecoraro Scanio.

Sara Ferreri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?