Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
19 lug 2022
19 lug 2022

Liberazione di Ancona, il ricordo: "Cerimonia nel nome della pace"

19 lug 2022
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders
Il sindaco Mancinelli con la figlia del generale polacco Anders

Liberazione di Ancona, ieri in città la commemorazione del 78esimo anniversario. Le cerimonie si sono svolte alla presenza delle autorità civili, religiose e militari e alle quali ha partecipato una delegazione ufficiale polacca, guidata dal Capo dell’Ufficio per i Reduci di Guerra e le Vittime di Persecuzioni, Jan Józef Kasprzyk, composta da rappresentanti delle massime cariche istituzionali polacche. Al seguito anche una rappresentanza di reduci del 2° Corpo d’Armata Polacco del Gen. Wladyslaw Anders, presente la figlia Anna Maria Anders, Ambasciatore plenipotenziario e straordinario della Repubblica di Polonia in Italia. Presente anche una delegazione dell’Anpi. Le commemorazioni hanno preso avvio a Porta Santo Stefano dove si è tenuta l’inaugurazione del Monumento commemorativo del Reggimento Lancieri dei Carpazi. Nel suo intervento il sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli ha ricordato come "la pace e la libertà sono due aspetti inscindibili e l’una non può prescindere dall’altra; quello che sta avvenendo con la guerra ci ha riportato drammaticamente indietro nel passato. Noi dobbiamo impegnarci per la pace ma non soltanto a parole ma con i fatti. Non possiamo chiedere al popolo ucraino di essere vittima della violenza di un aggressore". È stata poi la volta di Jan Józef Kasprzyk: "Siamo lieti che accanto a Porta Santo Stefano, dove per primi entrarono in città i soldati polacchi nel giorno della liberazione di Ancona, sia comparso un nuovo segno della memoria. I legami di amicizia che uniscono i nostri popoli rimangono sempre vivi".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?