La volante della polizia ieri mattina davanti al tribunale
La volante della polizia ieri mattina davanti al tribunale
Litiga furiosamente in casa con la compagna e quando arriva la polizia per placarlo lui minaccia gli agenti così: "Se vi prendo vi ammazzo uno per uno". E’ successo domenica sera, in via De Gasperi, dove i poliziotti hanno poi arrestato l’uomo per resistenza a pubblico ufficiale. Erano le 22 quando...

Litiga furiosamente in casa con la compagna e quando arriva la polizia per placarlo lui minaccia gli agenti così: "Se vi prendo vi ammazzo uno per uno". E’ successo domenica sera, in via De Gasperi, dove i poliziotti hanno poi arrestato l’uomo per resistenza a pubblico ufficiale.

Erano le 22 quando alla centrale è arrivata la telefonata di un vicino di casa che sentiva provenire urla e forti rumori in un appartamento abitato da una coppia, lei rumena e lui italiano, 47 anni, nativo di Senigallia. Una pattuglia delle volanti ha raggiunto l’abitazione e quando la porta si è aperta i poliziotti hanno trovato una situazione fortemente critica.

Nell’abitazione era quasi tutto rotto, piatti mobili, tutto in frantumi. All’interno c’era una donna e il 47enne che avevano litigato. Gli agenti hanno cercato di vedere se la situazione si ristabiliva ma l’uomo avrebbe iniziato ad inveire contro di loro. Dopo insulti e minacce è scattato l’arresto e il 47enne ha passato la notte in cella di sicurezza, in questura.

Ieri mattina, difeso dall’avvocato Germana Riso, è comparso davanti al giudice Elisa Matricardi per la convalida. L’arrestato ha riferito di essere stato lui aggredito dagli agenti, almeno tre colpi avrebbe incassato. Ha sostenuto che la lite erano motivi familiari ridimensionando la sua posizione. Il giudice, su richiesta anche del pm Giovanni Centini, ha convalidato l’arresto con la misura cautelare di firma alla pg fino al proseguo della direttissima che è stata fissata per il prossimo 14 aprile.

ma. ver.