Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Vallesina, violenta bomba d’acqua. Strade chiuse e allagamenti per maltempo

Alberi caduti e anche nuovi problemi all’ospedale Carlo Urbani

Ultimo aggiornamento il 3 settembre 2018 alle 07:00
Decine gli interventi effettuati dai pompieri e anche dai vigili urbani (Foto Cascio)

Vallesina (Ancona), 3 settembre 2018 - Disagi e allagamenti nel territorio di Jesi e Vallesina, per due giorni tenuto sotto scacco dal maltempo. Sabato, la violenta grandinata che si è abbattuta sulla città ha provocato il distaccamento del muro poco dopo il circolo di via Roma, utilizzato per le affissioni pubblicitarie. I detriti sono ancora in strada, accostati alla parete e transennati con i sigilli.

Centinaia le richieste d’intervento arrivate alla Polizia locale, ai vigili del fuoco e alle forze dell’ordine da parte di cittadini in difficoltà. Chiusa al transito via Fontedamo e il sottopasso per allagamenti: proprio qui, un anziano sabato è stato soccorso perché rimasto bloccato in auto. Di conseguenza, anche l’uscita Jesi Est sulla SS76 è stata sbarrata. In superstrada, i vigili del fuoco sono dovuti intervenire per rimuovere alcune piante cadute sulla carreggiata all’altezza di Jesi Centro, in direzione Roma.

I pompieri per due giorni sono stati impegnati al parcheggio Mercantini per liberarlo dall’acqua. Allagato su più livelli, non è ancora stato aperto. In centro storico, il Museo Federico II è rimasto chiuso mentre sono stati annullati gli eventi del Festival Pikkanapa previsti per la giornata di ieri. Disagi per i torrenti d’acqua che hanno interessato le arterie principali della città, come viale della Vittoria, via Setificio, via San Giuseppe, invadendo negozi e scantinati. La Jesiservizi ha provveduto a ripulire le caditoie così da evitare nuovi ristagni.

Caos all’ospedale Carlo Urbani, con allagamenti al Pronto soccorso e in alcuni reparti. La paura è tornata nella mattinata di ieri quando una nuova bomba d’acqua ha provocato nuove importanti infiltrazioni all’interno della struttura ospedaliera.

Non meno critica la situazione in Vallesina. A Castelbellino, il fango ha invaso strade comunali e provinciali. Sulla via che conduce al capoluogo, una frana ha provocato il distaccamento del guard rail. Smottamenti hanno interessato anche il territorio tra Pantiere e Scorcelletti: qui, come a Pianello Vallesina, il sistema fognario non ha retto alle abbondanti precipitazioni causando allagamenti nei garage e sotterranei di parecchie abitazioni. Frane anche a Monte Roberto: dopo la grandinata il sindaco ha disposto la chiusura di via San Pietro e via Cavour, invase da fiumi d’acqua. A Moie, invece, è stato fondamentale l’intervento della Protezione civile per la rimozione di un grosso ramo caduto sopra un’auto in sosta in via Tassi. Fortunatamente, non si segnalano feriti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.