Camerata Picena, il luogo del ritrovamento del cadavere
Camerata Picena, il luogo del ritrovamento del cadavere

Ancona, 7 giugno 2019 - Era senza vita, in una scarpata lungo la strada vicino alla sua casa. E al suo fianco, anche lui morto, c'era anche il fedele cagnolino. E' giallo sulla morte di una donna di 70 anni di origini abbruzzesi e residente da anni a Camerata Picena. Sono poche le certezze da cui partono gli investigatori: una di queste è che non è stata investita da un'auto o da un altro mezzo.

Sul corpo della donna, vedova, e sul cane, infatti, non sono stati trovati segni evidenti di traumi. Per questo gli investigatori, almeno per ora, tenderebbero a escludere una morta violenta. Anche la posizione del cadavere rispetto alla strada, secondo una prima ricostruzione, porterebbe a escludere l'impatto con un autoveicolo. Da qui in poi, però, finiscono le certezze e inizia il giallo, né è chiaro perché e come sia morto anche il cane.  È stato un passante a scorgere il cadavere della donna e ad allertare i soccorsi. Il corpo era in un fosso, separato dalla strada da un dirupo largo oltre dieci metri: circostanza che induce gli investigatori a escludere un investimento stradale se valutato contestualmente all'assenza di traumi evidenti

La Procura di  Ancona ha disposto l'autopsia per accertare la causa del decesso. L'ipotesi privilegiata, in attesa del riscontro autoptico disposto dal pm Rosario Lioniello, è quella di un malore.