Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

"Non gli ho dato da bere perché era ubriaco Io, sfregiato solo per aver rispettato la legge"

Il drammatico racconto del barman Alessandro Cirri preso a bottigliate in testa e al collo da un cliente nel suo locale in corso Mazzini "Era una furia e si è fiondato su di me con il vetro rotto. In quel momento ho solo pensato di difendere la mia ragazza e gli altri avventori"

alberto bignami
Cronaca
Alessandro Cirri, il giovane barman 30enne dell’Opera Drink Food&Social
Alessandro Cirri, il giovane barman 30enne dell’Opera Drink Food&Social
Alessandro Cirri, il giovane barman 30enne dell’Opera Drink Food&Social

di Alberto Bignami

Alessandro Cirri è un giovane barman 30enne che con sacrificio e passione alla fine dello scorso anno ha aperto un american bar, l’Opera Drink Food&Social, nel centralissimo corso Mazzini. Nella serata di martedì 25 aprile, poco dopo le 20, la sua dedizione nel far rispettare le regole gli è costata però cara: una violenta aggressione e 8 punti di sutura: 4 al collo e 4 alla testa dopo essere stato ferito e colpito con una bottiglia di birra da parte di un giovane al quale Alessandro, vedendolo ubriaco, non gli ha voluto giustamente servire da bere. "Questo ragazzo – racconta il barman e gestore del locale – è entrato insieme ad un amico. Teneva una bottiglia di birra in mano acquistata da qualche parte ma non di certo nel mio locale anche perché è una marca che non tratto. Era palesemente ubriaco, tanto da non reggersi in piedi. Subito mi ha chiesto da bere – prosegue – e io gentilmente, viste le sue condizioni, gli ho risposto che non potevo servirlo. Non ho fatto altro che attenermi alle regole, alla legge".

Le condizioni del giovane 30enne erano infatti pietose e l’alcol che aveva ingurgitato precedentemente lo avevano reso anche particolarmente aggressivo. "Subito gli sono andato incontro – riprende Cirri – per evitare guai e invitarlo ad uscire. Mentre mi stavo per dirigere verso l’uscio e lui verso di me, insistendo sul fatto che lo dovevo servire per forza, nel frattempo la bottiglia che teneva in mano gli è caduta a terra e il collo si è rotto. Lui però – aggiunge – l’ha raccolta e subito mi si è diretto contro, puntandomela. In quel momento – spiega – con me c’era anche la mia ragazza, che lavora nel locale, e come prima cosa mi sono preoccupato di mettermi a farle da muro, a proteggerla. Ero terrorizzato più per lei che per me. Lui era infatti imprevedibile con quell’arma in mano e avrebbe potuto colpire chiunque per come stava ubriaco".

In un attimo però la situazione è degenerata. "Prima mi ha sfregiato e tagliato al collo – continua – e poi me l’ha spaccata in testa. Resosi conto di quanto aveva fatto, si è dato subito alla fuga". Il tutto "è durato una decina di minuti, o almeno a me sono sembrati così interminabili. In quegli istanti – spiega – non vedi l’ora che tutto finisca". Con il sangue che gli colava dalla nuca e che fuoriusciva dal collo "nel vederlo uscire non ho pensato tanto a me, quanto a come stessero i miei clienti, quelli che avevo seduti ai tavolini esterni. Sono quindi uscito e ho chiesto a tutti come stessero, se fossero tranquilli cercando di sincerarmi anche sulle loro condizioni. Per fortuna nessuno di loro era rimasto coinvolto. Proprio loro, rivolgendosi a me, mi hanno chiesto piuttosto come stessi io. Non mi ero reso infatti conto di come mi aveva conciato. Sono poi stati gli stessi clienti a chiamare l’ambulanza e ad attenderne l’arrivo chiedendomi di continuo come mi sentissi".

Giunta la Croce Gialla, Alessandro è stato medicato e portato al pronto soccorso di Torrette. "I medici mi hanno messo in tutto 8 punti di sutura. Se non sbaglio 4 al collo e altrettanti alla testa. Questa mattina (ieri per chi legge, ndr) mi hanno contattato i carabinieri che sono venuti a conoscenza di quanto avvenuto. Io comunque – conclude – torno subito al lavoro per lasciarmi questa esperienza folle dietro alle spalle".

L’aggressore è stato comunque identificato. Si tratterebbe di un 30enne, convivente, con un figlio e un lavoro in un supermercato. Avrebbe anche diversi precedenti penali. Saranno eventualmente i militari dell’Arma a formalizzare una denuncia per lesioni nei confronti di un giovane barman che non ha fatto altro che osservare e rispettare la legge che impone di non servire da bere a chi è già ubriaco.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?