Quotidiano Nazionale logo
24 apr 2022

"Osimana al centenario: uno stadio da 2mila posti"

Il sindaco Simone Pugnaloni annuncia l’imminente conclusione dei lavori: "Sforzi economici rilevanti per sistemare il Diana, presto al massimo splendore"

silvia santini
Cronaca

di Silvia Santini

L’Us Osimana, la grande squadra di calcio giallorossa cittadina, compie 100 anni e per l’occasione il glorioso stadio Diana indosserà il suo abito migliore, quello di un restyling completo. Pochi ritocchi ancora e la struttura sarà pronta ad ospitare fino a duemila spettatori. Più di 200mila euro l’investimento complessivo, inclusi gli ultimi adeguamenti che consentiranno alla commissione di pubblico spettacolo di dare il via libera all’autorizzazione. La scritta "Osimo" oggi campeggia sui seggiolini gialli e rossi che la costituiscono in tribuna, 506 (prima ce n’erano 480). "Il regalo più grande che faremo all’Us Osimana nel suo centenario è l’organizzazione del torneo Lanari nella prima settimana di agosto quando parteciperanno le principali squadre di serie A a carattere primavera. Siamo molto avanti con l’organizzazione e a breve presenteremo il torneo. Lascio gli osimani con la promessa che ci vedremo prestissimo in uno stadio meraviglioso per tifare tutti insieme la nostra Us Osimana che, prima in classifica, viaggia spedita verso l’eccellenza – dice il sindaco Simone Pugnaloni -. Abbiamo investito risorse importanti in questi anni attraverso il piano delle opere pubbliche, per il rifacimento del manto erboso, la messa in sicurezza degli spalti e i nuovi seggiolini della tribuna. Dopo gli investimenti al nuovo campo sportivo Santilli, ora anche il Diana torna al suo massimo splendore, pronto per accogliere grandi eventi sportivi".

Nella prima decade di maggio saranno effettuati gli ultimi ritocchi richiesti proprio dalla commissione che sarà convocata subito dopo per l’autorizzazione ai duemila spettatori. "Un traguardo sia questo che il torneo estivo", chiude il primo cittadino. Lo stadio è stato per mesi nel "mirino", assieme alle altre strutture sportive della città, della commissione che le ha analizzate per deliberare le capienze alla luce delle normative anti Covid. Dopo il Diana è toccato al PalaBaldinelli, poi al PalaBellini e allo stadio Muzio Gallo di Passatempo. L’iter che ha portato alla convocazione della commissione è stato molto articolato per via delle nuove normative e ha imposto livelli di burocrazia alti. Il distanziamento e il divieto conseguente di assembramenti è rimasto per settimane un principio portante per diverso tempo rallentando di conseguenza tutto il processo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?