Il Papa e la Madonna di Loreto
Il Papa e la Madonna di Loreto

Loreto (Ancona), 25 febbraio 2019 - Papa Bergoglio sarà a Loreto per chiudere il Sinodo dei giovani lunedì 25 marzo. Per la seconda volta nelle Marche, dopo la tappa di Arquata post sisma nel 2016, papa Francesco sarà nella città mariana tra un mese esatto, come annunciato con grande sorpresa di tutti i fedeli dall’arcivescovo delegato pontificio Fabio Dal Cin durante il Rosario sabato sera: "Verrà come pellegrino alla Santa Casa, tra le cui pareti la giovane Maria di Nazareth ha detto il suo Sì al disegno di Dio", ha detto.

La provincia di Ancona sarà al centro dell’attenzione nazionale a marzo, anche con l’arrivo venerdì 15 del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a inaugurare l’anno accademico all’Università Politecnica delle Marche e, forse, a incontrare le famiglie delle vittime della tragedia di Corinaldo. Il programma della visita papale, divulgato da poco dalla sala stampa della Santa Sede, sarà all’insegna della massima sobrietà e prevede che il Papa decolli in elicottero alle 8 dall’eliporto del Vaticano per atterrare alle 9 al Centro giovanile «Giovanni Paolo II» a Montorso, accolto da monsignor Fabio Dal Cin, dal presidente della Regione Luca Ceriscioli, dal prefetto di Ancona Antonio D’Acunto e dal sindaco Paolo Niccoletti.

Dopo il trasferimento al santuario, alle 9.30 il Papa sarà accolto da padre Franco Carollo, rettore della Pontificia Basilica della Santa Casa, da don Andrea Principini, vicario generale della Delegazione pontificia per il Santuario, padre Vincenzo Mattia, vicario generale della Prelatura e dal segretario generale Claudio Quattrini. Alle 9.45 il Pontefice celebrerà la messa nella Santa Casa, al termine della quale firmerà la lettera post sinodale ai Giovani. Terminata la celebrazione, in Sagrestia Francesco saluterà la comunità dei frati cappuccini e poi nel santuario la carezza agli ammalati presenti.

Da lì uscirà sul sagrato per incontrare i fedeli. Salutato da monsignor Dal Cin, il Papa pronuncerà il suo discorso e di seguito reciterà l’Angelus. Alle 12.30 il pranzo con i vescovi per lasciare il santuario alle 14.30. Un quarto dopo, congedandosi dalle personalità che l’hanno accolto all’arrivo, ripartirà per il Vaticano dove l’atterraggio è previsto alle 15.45. «Disponiamoci sin d’ora all’incontro con papa Francesco intensificando la nostra preghiera e la preparazione spirituale», ha aggiunto l’arcivescovo che ha inoltrato un telegramma di ringraziamento al Pontefice. La partecipazione è aperta a tutti ed è gratuita, in piazza della Madonna, in corso Sisto V e nelle piazze e luoghi attorno al santuario predisposti per seguire l’evento.