Quotidiano Nazionale logo
21 apr 2022

Operaio morto sul lavoro a Jesi: "Papà, ti ammiravo"

Oggi pomeriggio alla parrocchia di San Giuseppe l’ultimo saluto a Giovanni Medici: inutili martedì i soccorsi arrivati sul posto. Il figlio: "Sento il peso delle parole che non ti ho mai detto"

Giovanni Medici morto a 49 anni mentre era al lavoro
Giovanni Medici morto a 49 anni mentre era al lavoro

JESI

Giovanni Medici stroncato da un malore a 49 anni mentre lavorava in fabbrica, il figlio Elia affida a Facebook il suo addio carico di dolore per l’improvvisa enorme perdita: "Forse non sono mai stato bravo a dirti ti voglio bene. A volte ero quello che ero ma ci sei sempre stato". scrive il figlio Elia dalla sua bacheca Facebook, postando le sue foto insieme al babbo. "Mi dispiace esserci lasciati così con un tuo messaggio, dove mi dicevi che mi dovevo far sentire. E’ vero non sono mai riuscito a dimostrarti quanto caz.. ti volevo bene, ma ti ammiravo tantissimo e ora sento tutto il peso addosso delle cose che non ti ho mai detto e che mai riuscirò a dirti. Ti voglio bene bà.. guardami da lassù farò di tutto per renderti fiero di me".

Giovanni Medici martedì mattina alle 8,45 era al lavoro nella ditta dove lavora da tempo, la Bgroup Barigelli nella zona industriale di Jesi, ed era appena rientrato dalla pausa delle festività pasquali. Era intento ad assemblare irroratori per macchine agricole nella sua postazione di lavori, quando i colleghi lo hanno visto accasciarsi a terra. Inutile ogni tentativo di soccorso dei colleghi sotto choc per l’accaduto e poi del 118. Da qualche tempo residente a Pianello Vallesina (Comune di Castelbellino) Giovanni Medici, jesino, è padre di Elia un ragazzino su cui è piombata come un fulmine a ciel sereno, una incomprensibile tragedia. Giovanni Medici lascia nel dolore il padre Cesare, la sorella Lucia e la ex moglie Ivonne. Ieri in tanti hanno raggiunto la sala del commiato David Icof di via e oggi pomeriggio alle 15 si terrà l’ultimo saluto alla parrocchia San Giuseppe.

sa. fe.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?