Quotidiano Nazionale logo
3 mag 2022

Pensioni, trattamenti più bassi in regione: arginare diseguaglianze

Sono 540mila le prestazioni pensionistiche e assistenziali erogate dall’Inps nelle Marche di cui 298mila pensioni di vecchiaia (pari al 55,3% del totale), 29mila pensioni di invalidità (5,5%), 114mila pensioni ai superstiti (21,2%), 14mila pensioniassegni sociali (2,6%) e 83mila prestazioni a invalidi civili (15,4%). E’ quanto emerge dai dati dell’Inps 2022 elaborati dalla Cgil Marche.

Dall’entrata in vigore della Legge Fornero, si è notevolmente innalzata l’età media dei pensionati. Ciò è particolarmente evidente per l’età di coloro che sono stati lavoratori dipendenti: dal 2012 a oggi, i pensionati con meno di 65 anni di età sono passati dal 16,8% all’ 11,3% del totale mentre coloro che hanno oltre 80 anni sono passati dal 29,1% al 38,8%.

L’importo medio delle pensioni nelle Marche è di 828 euro lordi, con valori medi che variano dai 1.073 euro delle pensioni di vecchiaia ai 446 euro delle pensioni e assegni sociali. Nelle Marche, gli importi delle pensioni sono di gran lunga inferiori a quelli nazionali: -124 euro lordi medi mensili e particolarmente significativa è la differenza negli importi delle pensioni di vecchiaia dei lavoratori dipendenti che, nelle Marche, sono di 1.201 euro, ovvero -275 euro mensili rispetto ai valori medi nazionali e -363 euro rispetto alla media delle regioni del Centro.

Differenze notevoli si riscontrano anche tra i diversi territori delle Marche: le pensioni di vecchiaia dei lavoratori dipendenti ammontano a 1.327 euro lordi medi nella provincia di Pesaro Urbino, 1.317 euro a Macerata e Ascoli Piceno, 1.180 nella provincia di Fermo, e 1.067 euro ad Ancona.

Significativa è anche la differenza tra uomini e donne: se i primi percepiscono 1.326 euro lordi, l’importo corrisposto alle donne è di 767 euro. Nelle Marche 338mila prestazioni pensionistiche, pari al 62,6% del totale sono inferiori a 750 euro al mese (58,4% la media nazionale): dunque, 2 pensionati su 3 percepiscono un importo che non consente loro di superare la soglia della povertà.

Marco Amichetti, Ires Cgil Marche, sottolinea che "l’elevata incidenza di pensioni con bassi importi favorisce la crescita delle diseguaglianze, soprattutto in un contesto come quello italiano dove la famiglia rappresenta uno dei principali fornitori di welfare". Elio Cerri, segretario generale Spi-Cgil Marche, propone anche contro l’impennata dei rpezzi "oltre al contrasto alla precarietà e alla riforma delle pensioni, l’innalzamento e l’estensione dei benefici della quattordicesima".

Cgil Marche

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?