Le borracce distribuite a Portonovo
Le borracce distribuite a Portonovo

Ancona, 8 luglio 2019 - Come annunciato già nelle scorse settimane Portonovo punta a diventare baia plastic free, ricorrendo a soluzioni alternative e non inquinanti. Nel mirino sono finite soprattutto le bottigliette d’acqua, i bicchieri e le stoviglie di plastica e le cannucce, che molti stabilimenti hanno già abolito in favore di soluzioni ecologiche a base di materiali biodegradabili e amici dell’ambiente. Ieri è stato fatto un passo in più per sensibilizzare i clienti e presso il ristorante Il Laghetto sono state regalate a tutti i presenti delle borracce in collaborazione con l’azienda The Coffy Way. Le borracce sono state riempite di acqua idrogenata alcalina, elemento benefico per l’organismo e potranno essere rimboccate al bar senza dover per forza acquistare le bottigliette in pet.

Portonovo è tra le località pioniere in Italia di questa nuova pratica virtuosa, fautrice di una piccola rivoluzione verde che mette al bando uno dei materiali più inquinanti e dannosi per gli ecosistemi, in particolare quelli marini. Piccole azioni in grado di fare la differenza e già testate da alcuni anni in diversi ristoranti, come ad esempio da Emilia che utilizza una fontana d’acqua dove i clienti possono rifornirsi riempiendo le loro borracce riutilizzabili. Anche da Marcello sono disponibili le borracce personalizzate, di colore rosso e in acciaio. E sempre a proposito di sostenibilità, un altro dato interessante riguarda il numero sempre in crescita dei fruitori del trasporto pubblico per raggiungere le spiagge. Da una parte la difficoltà di trovare parcheggio nei pressi degli stabilimenti e dall’altra la comodità del bus, che ha anche intensificato le corse giornaliere, hanno spinto molti bagnanti e prediligere questo mezzo di trasporto, più economico e meno inquinante rispetto all’auto.

Oppure molti parcheggiano nelle aree di sosta a monte per poi prendere le navette gratuite che fanno la spola fino in piazzetta. E’ stato anche attivato da sabato scorso il servizio ConeroLink di Trenitalia Marche e Atma, che prevede un’unica soluzione di viaggio treno+bus. Sono 31 ogni giorno i bus che faranno la spola tra la stazione di Ancona Centrale e la piazzetta. A proposito di auto, ancora nessuna risposta dall’amministrazione in merito alla realizzazione di due rotatorie sulla Provinciale del Conero, una all’altezza del ristorante Mafalda e una all’altezza del bivio per Camerano, al Poggio che obbligando centauri e automobilisti a moderare la velocità, potrebbero ridurre sensibilmente il numero dei sinistri. A farsi promotore di questa iniziativa Edoardo Rubini, che ha anche proposto, in accordo con gli altri residenti del Poggio e alcuni operatori di Portonovo, di organizzare iniziative di sensibilizzazione per mettere in guardia dai pericoli dell’alta velocità.