'L’aria di Portonovo' in vendita nel temporary store 'L’oro delle Marche' di via Marsala
'L’aria di Portonovo' in vendita nel temporary store 'L’oro delle Marche' di via Marsala

Portonovo (Ancona), 3 dicembre 2019 - L’aria di Portonovo venduta in lattina, un souvenir alquanto insolito che sta riscuotendo sempre più successo. Nato alcuni anni fa dall’idea di Paolo Bonetti, imprenditore della baia con un certo fiuto per il marketing, questo particolare cadeau viene commercializzato da due anni anche nel temporary store «L’oro delle Marche» di via Marsala sotto la Galleria Dorica, che tra panettoni, biscotti, salumi e vini regionali ha inserito nei cesti natalizi tantissime confezioni di «aria di Portonovo». Ma com’è nata questa idea, che potrebbe sembrare strampalata e invece risponde a una delle regole auree del marketing: «Niente è più necessario di ciò che è inutile»?

«A Portonovo non c’era una grande offerta di souvenir – spiega Bonetti – e così ormai 5 anni fa pensai di confezionare in lattina l’aria di Portonovo per offrire ai turisti qualcosa di originale da riportare a casa dopo la vacanza, qualcosa di economico e riutilizzabile. Infatti, avendo il tappo in silicone, la lattina può essere nuovamente riempita di aria di Portonovo dal turista anche l’estate successiva». Tra il serio e il faceto queste lattine hanno iniziato a diffondersi anche fuori regione e ad oggi ne sono già stati venduti diversi centinaia di pezzi. Con un costo di 3 euro, l’aria di Portonovo una volta «consumata» può essere sostituita da oggetti vari come penne, bustine del thè, tappi, mollette e chi più ne ha più ne metta. «E’ un gioco che ai turisti è piaciuto molto – prosegue Bonetti – il barattolo d’aria permette di ‘respirare’ Portonovo anche d’inverno e ci fa davvero piacere che nel negozio di Massimo Pezzotti stia andando a ruba. Pensi che una signora li ha comprati in blocco e poi li ha confezionati con dei cioccolatini».

Insomma , nato come souvenir da vendere ai turisti d’estate, l’aria di Portonovo si sta imponendo anche come strenna natalizia, da personalizzare con creatività. In realtà il business dell’aria in lattina, per quanto possa sembrare assurdo, è un business ben consolidato: dall’aria delle Dolomiti venduta in bottigliette da 5 euro, a quella delle Montagne Rocciose che spopola tra i cinesi venduta dalla società canadese Vitality Air fino a quella delle incontaminate campagne inglesi che va forte in Corea. E adesso alla lunga lista si aggiunge anche l’aria di Portonovo, per portare la fresca brezza marina del Conero tra il grigiore delle metropoli. E visti i risultati non si può certo dire che sia solo «aria fritta».