Pusher braccato in spiaggia: droga sotto la sabbia

Gli agenti della Polizia locale lo seguivano da tempo e ieri hanno fatto scattare l’operazione: il 41enne tunisino ha cercato di fuggire

Pusher braccato in spiaggia: droga sotto la sabbia

Pusher braccato in spiaggia: droga sotto la sabbia

Quando si è visto braccato dagli agenti in borghese ha tentato una maldestra fuga a piedi lungo la battigia. Maldestra perché è stato raggiunto in tempo zero, seppure abbia cercato di opporsi con veemenza anche agli altri ufficiali in divisa, e definitivamente bloccato negli attimi successivi. Cosa aveva da nascondere? La droga, ben 21 grammi di eroina, confezionata e già pronta per la vendita, poi recuperata, incredibile ma vero, sotto la sabbia.

È stata questa la chiusura del cerchio, dopo una serrata e meticolosa indagine, che ha portato all’arresto di un cittadino nordafricano, classe 1983, considerato responsabile di reati collegati allo spaccio di sostanze stupefacenti. La Polizia locale falconarese, infatti, stava tenendo sotto controllo quell’uomo da giorni, anche grazie all’ausilio delle telecamere di sicurezza.

Era stato notato nel territorio comunale, soprattutto nei pressi dell’arenile dove si pensa potesse condurre un’attività di confezionamento e cessione dei prodotti. E così, su di lui, si erano concentrati i sospetti, in quanto era anche gravato da un precedente ordine di carcerazione. La cattura del pusher è avvenuta ieri mattina, intorno a mezzogiorno. Ovvero quando due operatori del Comando di Palazzo Bianchi lo hanno trovato effettivamente in spiaggia a Palombina Nuova, quasi al confine con Ancona, in una bella giornata soleggiata. Si trovava all’altezza dell’ex Jeko Cafè e, mentre i due agenti in abiti civili lo hanno affiancato, ormai certi che fosse lui, il tunisino 41enne è scappato in direzione del Donaflor.

Lì dove poi, effettivamente, è stato intercettato, anche grazie al supporto di altri quattro agenti della Polizia locale, già pronti in zona per l’arresto. Avvenuto, come si è detto, in pochissimi minuti, nonostante la resistenza dell’uomo, che per questo ha ricevuto anche una denuncia. L’ulteriore denuncia, invece, è stata quella per la detenzione di sostanze stupefacenti, nella misura di 21 grammi di eroina. Quei 21 grammi che l’uomo aveva adeguatamente nascosto sotto la sabbia.

Con sé anche materiale per il peso e il confezionamento della droga, nonché circa 300 euro in contanti. Una volta espletate le formalità di rito, il tunisino è stato trasferito in Comando. Tappa precedente al passaggio nel carcere di Montacuto, dove è arrivato nella prima serata di ieri, quando appurato che fosse destinatario dell’ordine di carcerazione per precedenti reati. L’intervento della squadra di sicurezza urbana della Polizia locale ha confermato l’alto grado di preparazione e professionalità del Corpo, chiamato anche a dirimere situazioni articolate come questa, per il contrasto allo spaccio di stupefacenti.

Giacomo Giampieri