Ragaini domina l’Europa anche nei 400 stile libero

Il ragazzo di Castelplanio centra una doppia medaglia ai campionati juniores. In Lituania è lui a dominare in vasca. "Adesso il pensiero è solo alle Olimpiadi".

Ragaini domina l’Europa anche nei 400 stile libero

Ragaini domina l’Europa anche nei 400 stile libero

Nonostante il periodo di allenamenti intensi Alessandro Ragaini, l’enfant prodige di Castelplanio, è andato a centrare un doppio e prezioso oro continentale ai campionati europei juniores a Vilnius in Lituania. Prima l’oro in staffetta con la 4x200 stile libero di sabato, quindi l’altro oro, quello più importante, conquistato domenica nella gara individuale del 400 stile libero. Un titolo importante, per il quasi diciottenne della Team Marche e del gruppo Carabinieri, a meno di tre settimane dalla partenza per le OIimpiadi di Parigi in cui gareggerà nei 200 stile libero. Buona la prova del giovane atleta allenato da Andrea Cavalletti, sempre in testa da metà gara in poi, nei 400, fino a toccare le piastre con un ottimo 3’47"96, ad appena 1"30 dal suo personale di settembre dello scorso anno che gli era valso l’argento ai Mondiali juniores di Netanya. Per le Marche del nuoto tre medaglie, a Vilnius, tra le due di Ragaini e l’argento in staffetta 4x200 stile libero femminile con la sambenedettese Elisa Pignotti. "Siamo arrivati a Vilnius a metà campionato europeo, giovedì scorso, in pieno periodo di carico – spiega il suo coach Andrea Cavalletti, tecnico del Team Marche –. Alessandro aveva fatto allenamento normale fino a giovedì, e giovedì sera eravamo in Lituania. Venerdì allenamento, e sabato la 4x200 in cui Alessando fino ai 150 metri ha fatto quella che dovrebbe essere la sua gara, e poi domenica questo 400 stile libero. Sono assolutamente soddisfatto del riscontro cronometrico, Alessandro non è nella stessa situazione di altri nuotatori, al momento. Adesso andremo a lavorare un po’ più analiticamente sul 200 stile, che sarà la sua gara a Parigi. A Vilnius la scelta del 400 stile libero è stata fatta insieme al ct della nazionale e dettata soprattutto dal programma degli Europei". "Era l’ultimo europeo juniores insieme ai compagni ed è stato divertente, anche se non l’ho fatto tutto, comunque sono contento delle due medaglie d’oro. Va assolutamente bene così – aggiunge Alessandro Ragaini, in auto con Cavalletti di ritorno dal centro federale di Roma, tappa di rientro dagli Europei –. Adesso il pensiero è solo alle Olimpiadi".

g.p.