Il sindaco Signorini
Il sindaco Signorini

Falconara, 20 gennaio 2020 - Riceveranno i complimenti dal sindaco Stefania Signorini, i giovani di Castelferretti che venerdì sera hanno restituito il portafoglio al legittimo proprietario Simone Mattei. La vicenda, raccontata dal Carlino, ha raggiunto anche le stanze del Castello tanto che il primo cittadino, sui propri canali istituzionali, ha voluto mandare un messaggio di apprezzamento e stima ai protagonisti dello splendido gesto: «Vi racconto una bellissima storia – ha scritto la Signorini -. Alcuni ragazzini di Castelferretti hanno trovato un portafoglio con 150 euro, diverse carte di credito e sono andati dal proprietario per restituirglielo.  Spesso si parla dei giovani in termini negativi, ma credo non si debba generalizzare e ce ne sono tanti davvero bravi. Li incontrerò personalmente per complimentarmi con loro per il gesto di onestà, che sia di esempio positivo». Di sicuro resta un’azione apprezzatissima dall’intera comunità.  Approfondendo la questione con il diretto interessato Simone Mattei, siamo riusciti a raggiungere telefonicamente la mamma di uno dei tre adolescenti (e non quattro, come scritto nell’articolo precedente, ndr). 

Si chiama Elena, ci risponde con grande timidezza e meravigliata dell’eco mediatico che ha avuto la vicenda.  Suo figlio, Giorgio, assieme ai due amici Francesco ed Emanuele, tutti minorenni e di età compresa tra quindici e sedici anni, quando hanno trovato il portafoglio vicino alla palestra sono rientrati a casa per chiedere ad un adulto, in questo caso Elena, cosa dovevano farne. Lei non ci ha pensato un attimo, ha cercato e trovato ben presto i contatti del titolare nel borsello e lo ha chiamato per organizzare l’immediata restituzione.  "Vi ringrazio per aver dato spazio a questa notizia, ma mi sembra una cosa assolutamente naturale – specifica Elena con grande chiarezza -. Quando ho visto mio figlio e i suoi amici a casa, anch’io mi sono complimentata con loro perché sono stati davvero bravi nel pensare subito di riportarlo a Simone Mattei. Ma era l’unica cosa da fare. E sono orgogliosa che, a prescindere dal periodo di età che stanno attraversando, non hanno esitato un attimo".

Spesso e volentieri infatti siamo soliti ascoltare situazioni di portamonete ritrovati svuotati dei soldi, ma non dei documenti che ovviamente non interessano a chi ne sottrae indebitamente il contenuto. Tutte cose che non sono neanche passate nell’anticamera del cervello di Giorgio, Francesco ed Emanuele, che meritano questa positiva ribalta sulla stampa per quanto hanno compiuto. Lo facciamo notare a mamma Elena, che con la consueta naturalezza risponde: «Vi ringrazio di nuovo. Li girerò ai ragazzi». Che presto saranno anche accolti dal sindaco. E se lo meritano.