Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
9 giu 2022

Incidente in moto, muore a 26 anni. "Riccardo mio, alzati: non ci lasciare ti prego"

Castelfidardo, la disperazione del padre arrivato sul luogo dell’incidente. Un dosso avrebbe fatto da rampa per il volo contro una mietitrebbia

9 giu 2022
silvia santini
Cronaca
featured image
Castelfidardo, incidente tra trattore e mietitrebbia
featured image
Castelfidardo, incidente tra trattore e mietitrebbia

di Silvia Santini "Riccardo mio, alzati, ti prego non ci lasciare!". Le sue urla si sentivano da lontano. E’ arrivato a piedi sul luogo dell’incidente papà Leonardo, il padre di Riccardo Menghini, 26 anni di Castelfidardo, che ieri ha perso la vita nel tragico schianto in moto contro una mietitrebbia in via XXV Aprile. Erano circa le 13. Con la moglie, mamma Paola Pierini, e il fratello del ragazzo, Davide, non si dava pace davanti al corpo del figlio, avvolto da un lenzuolo bianco. Gli amici più cari li sostenevano fisicamente, era troppo grande il loro dolore per affrontarlo da soli. Accanto al giovane, a terra, la sua Yamaha blu che tanto amava e che l’aveva "disarcionato". Era a due passi da casa il ragazzo, in sella alla sua moto stava per tornare da mamma e papà a pranzo. L’impatto, all’altezza di un attraversamento pedonale rialzato di fronte alla Rsa, è stato molto violento tanto che le sue condizioni sono apparse subito gravissime. Dall’ospedale di Torrette si è alzata in volo l’eliambulanza. Il medico si è calato dal verricello ma per il ragazzo non c’era già più niente da fare. Vano anche l’intervento dei primi soccorritori, i sanitari del 118 con i militi della Croce Verde che hanno provato a rianimarlo. In un attimo la notizia si è diffusa nel quartiere Fornaci e in tutta la città. La fidanzatina con diversi amici del ragazzo, tutti 20enni di Castelfidardo, sono accorsi sul posto, abbracciandosi tra le lacrime e gridando tutto il proprio dolore. I genitori, i parenti più prossimi e l’autista del mezzo agricolo non si davano pace. I loro ’perché?’ hanno squarciato il silenzio irreale che si è venuto a creare in zona, di solito molto trafficata e pullulante di vita. Un ragazzo meraviglioso, dicono di Riccardo, che dopo il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?