Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Scontri dopo la partita: denunciati ultras dorici

In tre sono stati identificati dalla Digos dopo la sfida contro la Reggiana

A fine partita, alcuni tifosi dorici che si trovavano nel parcheggio, nel vedere l’autobus della tifoseria opposta finito in avaria, si erano subito compattati per cercare di affrontarli prima che raggiungessero la vicina stazione ferroviaria per salire poi sul convoglio che li avrebbe riaccompagnati a casa.

L’episodio si era verificato a seguito dell’incontro tra l’Ancona-Matelica e la Reggiana, disputatosi lo scorso 27 febbraio. I tifosi anconetani, con i volti coperti da felpe scure e berretti, impugnando e brandendo con fare minaccioso aste e cinture, avevano affrontato quindi lo schieramento dei poliziotti impegnati nel servizio di ordine pubblico nell’area "cuscinetto", interdetta e situata tra i due parcheggi: ospiti e locali. Nonostante ciò, uno dei tifosi riuscì a divellere una transenna per lanciarla oltre il blocco di polizia, nel tentativo di ferire i tifosi reggiani. L’intervento della polizia riuscì però ad evitare il peggio. Immediate le indagini portate avanti dagli uomini della Digos che sono riusciti, anche tramite alcuni filmati registrati dagli agenti, a risalire e a denunciare tre esponenti del gruppo ultras Curva Nord Ancona, ritenuti responsabili, in concorso tra di loro, del reato di violenza aggravata a pubblico ufficiale, nonché dell’utilizzo di materiale offensivo e contundente, in maniera tale da creare concreto pericolo per l’incolumità delle persone.

Sono tuttora in corso ulteriori attività investigative nei confronti di altri supporter anconetani, ancora non identificati, che si sono però resi protagonisti di quei momenti di violenza. Infine, il questore Cesare Capocasa, sta valutando di adottare ulteriori provvedimenti, di sua specifica competenza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?