Si accende la città: brilla ’la Notte degli Ori’

Domani l’iniziativa inedita che coinvolge artigiani, designer e attività, ma ci saranno anche campioni e personaggi dello sport

Si accende la città: brilla ’la Notte degli Ori’

Si accende la città: brilla ’la Notte degli Ori’

Domani si accende la notte degli ori, iniziativa inedita per la città che coinvolge artigiani, designer, ma anche campioni e personaggi dello sport. Una vera e propria full immersion dal mattino alla notte fatta di laboratori, convegni, mostre, cocktail e degustazioni a tema in 24 locali, partendo dalla grande tradizione orafa jesina. "La notte degli Ori" è il nuovo evento ideato da Cna Ancona con l’associazione "Ori di Jesi" e presentato ieri alla presenza dell’assessore Emanuela Marguccio che a marzo ha aperto un tavolo "per dare valore all’arte orafa jesina da Lucagnolo in poi". Lucangelo di Ciccolino detto Lucagnolo o Lucagnolo da Jesi vissuto a cavallo tra il Quattrocento e il Cinquecento è stato il massimo orafo jesino, maestro di bottega anche di Benvenuto Cellini. "Con questo evento vogliamo fare uno scatto in avanti importante – spiegano il segretario e il presidente di Cna Jesi, Marco Silvi e Francesc Barchiesi -. Gli ori di Jesi hanno la potenzialità di rappresentare la città nel mondo, come Pergolesi, Federico II, il Verdicchio e la scherma. La Notte degli Ori nasce da un percorso, attivo da anni, di riscoperta e valorizzazione della tradizione orafa di Jesi guidato, negli anni, dall’associazione ‘Ori di Jesi’ e della presidente, designer e maestra orafa, Maria Marchegiani. "Il mondo degli orafi è un’eccellenza di Jesi ma è un mestiere che sta purtroppo scomparendo ed è da salvaguardare e potenziare– aggiunge Marchegiani -. Mentre diverse scuole orafe in Italia stanno chiudendo a Jesi possiamo contare su una scuola il liceo artistico Mannucci e i suoi professionisti che tramandano alle future generazioni l’arte orafa. La nostra aspirazione è di arrivare a un marchio e un brand di eccellenza". Si inizierà con laboratori (a ingresso libero ma su prenotazione) immersivi, dalle 9 alle 12 nelle botteghe e nella chiesa di San Bernardo. Alle 17 a Palazzo Bisaccioni il convegno: "Jesi è... Identità a confronto sul potenziale turistico della città".

Alle 19 a Palazzo Bisaccioni, l’inaugurazione della mostra "Grammatica Orafa", con gli elaborati degli studenti del liceo Mannucci. E poi dalle 19 in 24 locali tra bar, birreria e ristoranti - spiega Riccardo Staffolani, presidente di Jesi Città da Vivere – menù e degustazioni a tema. Ogni locale ha scelto una pietra preziosa studiandone le caratteristiche, la storia e le peculiarità. Ha poi creato una prelibatezza dedicata alla pietra scelta. Un modo nuovo e divertente per conoscere le pietre preziose, gustando un cocktail o un piatto particolare".

Sara Ferreri