Tarsi in pensione. Anni in strada per la sicurezza

Il Sovrintendente Capo Tarsi Tonino si congeda dopo 41 anni di servizio nella Polizia di Stato a Senigallia. Ha ricoperto ruoli chiave e ricevuto riconoscimenti per le sue azioni, tra cui la sventata attività di spaccio nel 1995 e il disarmo di un individuo armato di coltello.

Tarsi in pensione. Anni in strada per la sicurezza

Tarsi in pensione. Anni in strada per la sicurezza

La polizia di Stato e in particolare il Commissariato di Senigallia saluta il Sovrintendente Capo Tarsi Tonino che, dopo 41 anni di onorato servizio, ripone la divisa per godersi la meritata pensione. Nel 1983 ha frequentato la Scuola Allievi Agenti di Trieste per frequentare il Corso di Formazione al cui termine viene assegnato al reparto Celere di Bologna fino al 1985 quando chiede ed ottiene il trasferimento presso la Sezione Volanti della Questura di Bologna. Nel 1987 ottiene il trasferimento alla Questura di Ancona e nel 1992 presso il Commissariato di Senigallia. Ha svolto, tra l’altro, l’incarico di istruttore per operatori di moto-volante presso la ex Scuola Agenti di Senigallia. Durante gli oltre 35 anni di turni in Volante ha guidato tutti i veicoli in uso alla Polizia, dalla prima Alfa Romeo Giulia sino all’ultima arrivata in casa Polizia, l’Alfa Romeo Tonale risultando uno dei poliziotti più anziani in servizio di Volante. In tutti questi anni ha ricevuto numerosissimi attestati per i servizi svolti tra i quali, in particolare, una complessa attività d’indagine che nel 1995 permetteva di smantellare un’organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti tra Roma e la costa Senigalliese, i servizi di soccorso pubblico alla popolazione cittadina in occasione dell’alluvione del 2014 ed in ultimo l’aver disarmato, sul lungomare, un soggetto pericolo che brandiva un coltello.