Truffa dello specchietto a una 70enne. Si fa dare 100 euro: denunciato

Nei guai un siciliano ricercato: la donna spaventata ha detto il fatto ai carabinieri che sono risaliti all’uomo tramite un’auto.

Truffa dello specchietto a una 70enne. Si fa dare 100 euro: denunciato

Truffa dello specchietto a una 70enne. Si fa dare 100 euro: denunciato

Ancora una truffa dello specchietto messa a segno: i carabinieri della compagnia di Fabriano, agli ordini del capitano Mirco Marcucci, dopo articolate indagini hanno identificato e denunciato un quarantenne nato e residente in Sicilia, pluripregiudicato, ritenuto responsabile di quella truffa. Nei giorni scorsi a cadere nella trappola è stata una donna settantenne di Sassoferrato: per paura che l’uomo chiamasse i carabinieri, spaventata per l’eventuale ritiro della patente, ha versato in contanti poco meno di 100 euro all’uomo pur non avendo commesso nulla. La donna si trovava nella tarda mattinata nella zona centrale di Sassoferrato. Improvvisamente ha sentito un rumore provenire dalla carrozzeria della propria macchina, pur non avendo urtato da nessuna parte. Poco dopo è stata fermata da un uomo che lamentava di aver subito danni allo specchietto sinistro. È nato un acceso dibattito con l’uomo che ha intimato alla donna un risarcimento immediato in contanti altrimenti avrebbe chiamato i carabinieri per rilevare il sinistro. La donna, spaventata, ha versato quanto accordato con l’uomo e se n’è andata. Poco dopo ha raggiunto i carabinieri della stazione di Sassoferrato e ha raccontato il fatto. Purtroppo la zona non è servita da telecamere. Dopo lunga indagine investigativa, però, i militari sono riusciti a identificare l’uomo e denunciarlo per truffa. È un quarantenne siciliano pluripregiudicato. I carabinieri non avevano la targa del mezzo, ma avevano il colore e il modello che erano stati descritti con precisione dalla settantenne di Sassoferrato. Da accertamenti è emerso che quella automobile, di quel colore, nei giorni precedenti, era stata segnalata per diversi episodi analoghi in altre zone del centro Italia. I militari sono così risaliti alla targa del mezzo. È stata identificata la proprietaria, una donna all’oscuro di tutto. Da ulteriori controlli in banca dati è emerso che quell’auto era già stata fermata di diverse volte ed era stato identificato come conducente proprio il siciliano. Acquisite le fotografie dell’uomo è stata convocata la vittima alla stazione dei carabinieri di Sassoferrato. Lei l’ha riconosciuto con precisione e così il quarantenne è stato denunciato per truffa.