Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
5 giu 2022

Truffato per l’energia elettrica: poi la beffa

Si è trovato un contratto mai sottoscritto, ma la nuova società pretende il pagamento e intanto ha limitato la potenza al "cliente"

5 giu 2022
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori
La vicenda è seguita dall’Unione consumatori

Si è ritrovato con un contratto di fornitura di energia elettrica mai sottoscritto. E’ la vera e propria truffa in cui è incappato un senigalliese la cui vicenda è finita anche in tv. A raccontare l’accaduto ai microfoni di "Mi Manda Rai Tre", è stato l’avv. Corrado Canafoglia, responsabile dell’ufficio legale nazionale dell’Unione Nazionale Consumatori. Nel febbraio scorso un senigalliese ha ricevuto da Edison Energia, suo fornitore di energia elettrica e gas, la comunicazione di chiusura del rapporto, stante la richiesta di passaggio ad altro gestore. Peccato, però, che il consumatore fosse all’oscuro del cambio di fornitore. Subito dopo ha ricevuto il sollecito di pagamento per fatture rimaste insolute con la comunicazione del passaggio a Sentra Energia srl. Tentato invano di risolvere l’arcano direttamente con la società, l’utente, che non ha mai sottoscritto alcun contratto con Sentra, si è rivolto agli avvocati Corrado Canafoglia e Giulia Montesi dell’Unione Nazionale Consumatori. La Sentra Energia ha fornito un file audio ma la voce registrata però non era quella del cliente e i dati registrati non erano veritieri. I legali hanno così inviato un reclamo alla società, con cui chiedevano l’annullamento dei contratti conclusi illecitamente, nonché l’annullamento e lo storno delle fatture emesse senza però ottenere risultati. I legali hanno allora avviato la procedura di conciliazione avanti all’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) e l’incontro è fissato per il prossimo 22 giugno. Come se non bastasse Sentra Energia ha proceduto a depotenziare la fornitura di energia elettrica, creando notevoli disagi e, di fatto, costringendo il consumatore a saldare le fatture, oltre ad una spesa accessoria, per ottenere il ripristino. "L’art. 66 quinquies del Codice del Consumo stabilisce che il consumatore è esonerato dall’obbligo di fornire qualsiasi prestazione corrispettiva in caso di fornitura non richiesta di beni, acqua, gas, elettricità - spiega l’avv. Canafoglia -. La norma mira a limitare il fenomeno diffuso dei contratti con firma falsa per cui i consumatori inconsapevoli vengono passati senza consenso da una società fornitrice ad un’altra. Quanto occorso al consumatore senigalliese rappresenta, purtroppo, solo un caso di una pratica molto diffusa, se si considera che per ogni cittadino che reagisce e denuncia ce ne sono molti altri che, invece, per le ragioni più varie, subiscono tale pratica commerciale".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?