Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Banca Marche

Ancona, 13 luglio 2018 - Ha ottenuto 1 milione di euro di risarcimento dopo il crac di Banca Marche. Un risparmiatore, infatti, ha ottenuto un rimborso record dalla Camera arbitrale dell’Autorità anticorruzione perché era stato indotto a investire due milioni di euro in bond subordinati di Banca Marche (una delle quattro banche in liquidazione) senza essere stato adeguatamente informato dei rischi che correva, ma anzi essendo stato rassicurato che si trattava di un titolo sicuro. Il denaro ottenuto gli sarà versato dal fondo interbancario.

Per il riconoscimento di un rimborso così alto (per l’esattezza 972 mila di euro, pari alla metà di quello che il risparmiatore aveva investito e perso) è stata determinante una circostanza. Nella profilatura fatta dalla banca per la sottoscrizione dei bond subordinati, l’investitore risultava avere un’esperienza alta in materia finanziaria, come pure un’alta propensione al rischio.

Non era però così, come il protagonista della vicenda, un imprenditore con la licenza media, è riuscito a dimostrare: lo ha fatto allegando una scheda precedente della stessa banca in cui gli venivano attribuite una conoscenza finanziaria e una propensione al rischio basse.

E quando questa documentazione è stata mandata dall’Anac alla banca, l’istituto non ha opposto nessuna difesa.

«Mi avevano detto che si trattava di un titolo sicuro e che non avrei corso rischi e io mi sono fidato», ha raccontato l’imprenditore quando davanti al Collegio arbitrale ha spiegato come era arrivato a investire in quattro tranches i 2 milioni di euro che aveva sottoscritto nel 2007.

L’uomo aveva chiesto che gli venisse restituito tutto. Ma l’Anac ha deciso per la metà della somma: perchè se è vero che non era consapevole dei rischi che correva, essendo però il titolare di un’ azienda con un grosso giro di affari, aveva strumenti adeguati per poter comprendere l’effettivo rischio degli investimenti effettuati.

La cifra riconosciuta non ha precedenti: da fine marzo a oggi l’Anac ha trattato il 35% delle 1700 istanze ricevute. Ma nessuna ha raggiunto la cifra di oggi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.