Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Ancona, ecco Savana, il cane poliziotto che ritrova le persone disperse

Il pastore dei cinofili di Ancona è stato decisivo nelle ricerche dell'anziana scomparsa giovedì a Osimo e trovata viva due giorni dopo. L’addestratore: "Segue il cono d’odore"

di ALBERTO BIGNAMI
Ultimo aggiornamento il 30 aprile 2018 alle 07:01
Savana è addestrata a trovare persone attraverso gli odori

Ancona, 30 aprile 2018 - Dopo due giorni di ricerche l’82enne di Osimo scomparsa giovedì scorso, è stata ritrovata sana e salva grazie agli uomini dell’Unità Cinofili dorica, ai cinofili di Ascoli e ai vigili del fuoco. Tra i protagonisti di questa vicenda, che per fortuna ha avuto un lieto fine, è ancora una volta il cane poliziotto Savana, pastore tedesco di 6 anni, eroina di Arquata del Tronto. E’ lei che, con il suo conduttore Francesco Marrone ed il collega Andrea Fratoni, trovò sotto le rovine del terremoto, la piccola Giorgia.

«Una volta allertati – racconta Marrone – insieme al collega Fratoni siamo andati sul posto e abbiamo ristretto le ricerche su un obiettivo determinato. Abbiamo escluso, tramite un video di una telecamera di sorveglianza, un determinato percorso per farne un altro dirigendoci così nell’unica direzione possibile: un campo aperto con un boschetto delimitato da un canale. Qui, abbiamo iniziato a lavorare con il cane». Nel giro di 15 minuti, Savana è stata messa nella condizione migliore per lavorare «interessandosi ad un punto specifico».

I cani dell’Unità Cinofili «poiché conduttore e cane sono un’unica ‘unità’» sono molecolari come tutti, ma non lavorano per «associazione di odore». Non si dà dunque un vestito indossato dalla persona scomparsa ma «cerca di risalire alla fonte principale delle particelle perse dalla persona. Ognuno di noi le perde e il cane segue così il ‘cono d’odore’: a pista e in aria».

A questo punto «avanziamo sempre tenendo un accendino in mano». E’ la fiamma, infatti, che mostra dove soffia il vento «e quindi iniziamo a lavorare dal punto opposto rispetto a dove soffia. Il cane riconosce le particelle: inizialmente poche per poi andare in un crescendo e ‘imboccare’ il cono d’odore. In tutto questo – prosegue - lo scopo del cane è il gioco. Savana cerca la persona dispersa perché sa che avrà in premio una pallina».

Savana fa coppia con Marrone «dal novembre 2013, quando abbiamo fatto il corso a Nettuno per poi spostarci alla questura di Ancona nel giugno 2014». Il distaccamento dei Cinofili si trova nei pressi del Sanzio. «Un canile con 20 box confortevoli dove i cani risiedono e dotato di un’ampia area verde per sgambare quotidianamente».

Tutti i giorni, Marrone e Savana fanno coppia. Insieme vanno «sul Conero, lungo un fiume, in un campo con macerie o in una casa abbandonata per fare continui esercizi». Sabato, Savana ha compiuto il suo quarto servizio. «Dopo aver trovato la piccola Giorgia ad Arquata – spiega -, siamo felicissimi di aver recuperato anche la signora. Savana ha dato nuovamente una grande prova di sé».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.