Le elezioni amministrative, primo turno domenica 10 giugno

Ancona, 9 giugno 2018 – Sono 5 i comuni anconetani che vanno al voto domenica 10 giugno per l'elezione diretta dei sindaci e dei consigli comunali: Ancona, Chiaravalle, Falconara Marittima, Morro d’Alba, Ostra Vetere.

SEGUI QUI IL DATO DELL'AFFLUENZA

COSA SERVE PER VOTARE Occorre recarsi al seggio indicato sulla tessera elettorale portando con sé la tessera elettorale e un documento di identità in corso di validità. In caso di cambio di indirizzo che comporti variazione di seggio occorre ricordarsi di applicare sulla tessera elettorale l'apposito tagliando spedito per posta dal Comune. In caso di esaurimento delle caselle e/o di smarrimento e/o di furto della tessera elettorale occorre recarsi presso l'ufficio elettorale per chiedere il rilascio di una nuova tessera.

Ancona e Falconara Marittina, che superano i 15mila abitanti, potrebbero tornare alle urne anche domenica 24 giugno per l'eventuale ballottaggio. Nel caso di Chiaravalle, Morro d'Alba e Ostra Vetere, invece, le urne sono aperte soltanto domenica 10. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23, in tutta la regione gli aventi diritto al voto sono 178.264 su una popolazione complessiva di 218.959 abitanti.

ANCONA – Con i suoi 100.497 abitanti è il più popoloso delle Marche ed è anche l'unico capoluogo di Regione ad andare al voto in Italia. I candidati sono quattro: Valeria Mancinelli appoggiata dal Partito democratico, dai Verdi, da Ancona Popolare, Centristi per Ancona e da ‘Ancora per Ancona’; Stefano Tombolini sostenuto invece dalle liste civiche ‘60100’ e ‘Servire Ancona’ più i partiti del centrodestra, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Lega e Udc; Francesco Rubini presentato alla città dalla lista civica ‘Altra idea di città’; Daniela Diomedi del Movimento 5 stelle. 

ANCONA - Tutti i candidati consiglieri, lista per lista

FALCONARA – Sono sette i candidati alla carica di sindaco che si sfidano. Marco Luchetti, candidato del Partito Democratico e da tre liste civiche: Nuovenergie X Falconara, Falconara Comunità, Insieme per Falconara. Stefania Signorini, candidata della maggioranza uscente e sostenuta ugualmente da quattro liste: Direzione Domani, Uniti per Falconara (con capolista il sindaco uscente Goffredo Brandoni), Falconara in Movimento e Ridisegnare Falconara. Loris Calcina è sostenuto da due liste: Cittadini in Comune - Falconara Bene Comune e SiAmo Falconara. Massimo Marcelli Flori, è sostenuto da Falconara a Sinistra, Matteo Marinacci, è appoggiato dalla lista Insieme Civico, Stefano Caricchio, si candida a sindaco per la Lega e Bruno Frapiccini è il candidato del Movimento 5 Stelle.

Elezioni comunali 2018, data e info utili: dove si vota, come, documenti

CHIARAVALLE – Sei i candidati in lizza. In corsa per il secondo mandato il sindaco uscente Damiano Costantini sostenuto dalla civica ‘Chiaravalle domani’, mentre il Pd insieme a socialisti e repubblicani ha scelto di puntare su Alessandro Bianchini. Il fronte della sinistra propone anche un terzo nome, quello di Davide Fiordelmondo candidato di Rifondazione comunista. Il Movimento 5 Stelle punta su Pierpaolo Morosini. La lista Rinnovamento riconducibile al centrodestra schiera Fabiola Ceccarelli, mentre per la prima volta è della contesa politica per le comunali la Lega che viaggia in solitaria con Claudio Bolletta.

MORRO D'ALBA – Sfida a due per lo scranno di sindaco tra Enrico Ciarimboli (il cambiamento con Morro d’Alba Comune) e Riccardo Medici ( la continuità con ‘Crescere insieme’).

OSTRAVETERE - In tre a contendersi la poltrona di primo cittadino. E la sfida è tra “ex”. L’ex sindaco Massimo Bello sostenuto dalla lista Autonomia per Ostra Vetere. A sfidarlo un altro ex illustre, Giordano Rotatori, in lizza con la lista civica del Movimento Agorà. Poi c'è la new entry Rodolfo Pancotti alla guida della lista civica Per Ostra Vetere.

LEGGI ANCHE - Elezioni comunali 2018, dove si vota nelle Marche - Elezioni comunali 2018, dove si vota in Emilia Romagna