Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni comunali 2018, a Falconara i 7 candidati sindaco hanno votato / FOTO

Signorini, Caricchio, Luchetti, Frapiccini, Marinacci, Calcina e Marcelli alle urne

Ultimo aggiornamento il 10 giugno 2018 alle 13:53
Alle urne (foto d'archivio)

Falconara (Ancona), 10 giugno 2018 - Hanno già votato i sette candidati sindaco di Falconara. La prima è stata Stefania Signorini alla scuola Dante Alighieri di Falconara Alta: la candidata della maggioranza uscente si è presentata alle 9.50 e alle 10 aveva già votato.

Subito dopo è toccato a Stefano Caricchio della Lega, che ha votato poco dopo le 10 alle Aldo Moro. In contemporanea hanno espresso il loro voto Marco Luchetti, sostenuto da Pd e liste civiche, che ha come seggio di riferimento uno delle Ferraris, e Bruno Frapiccini del Movimento 5 Stelle, che si è recato alle Leopardi.

Hanno votato entrambi alle Zambelli, tra le 11 e le 12, il candidato sindaco Matteo Marinacci di Insieme Civico e Loris Calcina di Cic-Fbc e SiAmo. Ha concluso la carrellata Massimo Marcelli Flori, candidato di Falconara a Sinistra.

Nei seggi non ci sono stati disordini anche se un intervento è stato richiesto alle scuole Aldo Moro, unico plesso dove era allestito il seggio per il consigliere straniero aggiunto. Davanti alla scuola è stato notato un pulmino che trasportava i votanti, che poi venivano accolti e accompagnati fino al seggio: un comportamento che è stato giudicato non completamente regolare, perché rappresenta una forma di propaganda che è vietata all’ingresso dei seggi, tanto che la polizia presente nella scuola ha allontanato i ‘suggeritori’.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.