Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Elezioni comunali 2018 a Falconara, Calcina presenta querela. “Diffamato via Facebook”

Chiuse le urne delle elezioni comunali alle quali ha partecipato per Cic-Fbc e SiAmo Falconara ha diffuso la notizia

di ALESSANDRA PASCUCCI
Ultimo aggiornamento il 10 giugno 2018 alle 23:37
Loris Calcina

Falconara (Ancona), 10 giugno 2018 - Lo hanno definito ex brigatista e tossicodipendente utilizzando il gruppo Facebook La sai l’ultima a falconara? che conta oltre 8 mila iscritti. La diffamazione ai danni di Loris Calcina, candidato Cic-Fbc e SiAmo Falconara, è stata pubblicata attraverso un profilo aperto con un nickname e ora saranno gli inquirenti a identificare chi si cela dietro il nome di facciata. Calcina, chiuse le urne, ha diffuso un comunicato in cui fa sapere di aver sporto querela contro ignoti. I messaggi infamanti sono stati pubblicati pochi giorni prima delle elezioni e hanno quindi creato un grave danno al candidato. L’autore li ha tenuti pubblicati temporaneamente ma tanto è bastato a a che decine di persone li leggessero, facendoli poi passare di bocca in bocca.

Nel comunicato in cui annuncia l’avvenuta querela (basata su uno screeshot) Loris Calcina pubblica anche una riproduzione di una pagina del Corriere della Sera del 1983 in cui è riportato della sua assoluzione nel processo contro le Br. “Il mio impegno politico si è sempre svolto alla luce del sole e non è in alcun modo associabile ad alcuna deriva criminale- scrive Calcina -. L’errore giudiziario che mi ha travolto nel 1980 e per cui ho sofferto e ha sofferto la mia famiglia è stato riconosciuto con l’assoluzione piena nel primo grado di giudizio della corte di Assise di Ancona e senza alcun successivo appello della pubblica accusa”.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.