Elezioni
Elezioni

Maiolati Spontini (Ancona), 3 maggio 2019 – Ad appena 20 giorni dall’apertura dei seggi, fuori gioco definitivamente la lista dell’amministrazione uscente “Percorso civico”, realizzata dal Pd ma in collaborazione con una parte dell’opposizione, quella di Aldo Curzi. Così ha deciso oggi il Tar Marche a cui la lista con a capo la candidata sindaco Irene Bini, assessore uscente, aveva presentato ricorso nei giorni scorsi, dopo l’esclusione decretata dalla sottocommissione elettorale circondariale di Jesi. Ricorso presentato dalla sindaca Pd di Ancona Valeria Mancinelli.
Per la prima volta, a memoria d’uomo il centrosinistra a Maiolati Spontini è fuori dall’agone elettorale (resta, ma dopo aver perso pezzi, la Sinistra) e per la prima volta in assoluto a causa di un errore nella compilazione dei moduli da parte del sindaco uscente Umberto Domizioli. In qualità di autenticatore, il sindaco ha compilato i moduli non con il documento d’identità di ciascuno dei 13 candidati ma con la propria carta d’identità, dunque formalmente non accertando l’identità dei candidati. Per il Tar tale errore è insanabile e la sentenza è inappellabile.

“Non può ammettersi – si legge nella sentenza - alcuna sanatoria o integrazione postuma, trattandosi di formalità essenziale, da osservare e rispettare entro il termine perentorio di legge, anche a garanzia della par condicio dei partecipanti alla competizione elettorale”.

Dunque a Maiolati Spontini la competizione elettorale sarà non più a quattro ma a tre candidati. In lizza il movimento 5 stelle che candida Leonardo Guerro, Tiziano Consoli, sindaco uscente di Poggio San Marcello e Gabriele Mazzuferi con la lista di Sinistra .