Giovanni Gostoli
Giovanni Gostoli

Ancona, 2 dicembre 2018 - Il pesarese Giovanni Gostoli è il neo segretario regionale del Pd con il 68% dei consensi rispetto a Paolo Petrini che ha conquistato un lusinghiero 32%. L’affluenza al voto nei circa 225 seggi allestiti nelle Marche ha raggiunto quota 13.227 votanti dei quali 2.775 solo nella provincia di Ancona. Ma le primarie, e questo è il dato cruciale, servivano anche a eleggere, oltre al segretario del partito, gli 80 componenti dell’Assemblea regionale (25 Pesaro, 22 Ancona, 15 Macerata, 18 Ascoli-Fermo).

Ebbene Petrini avrebbe portato a casa 27 componenti contro i 53 di Gostoli. Tradotto significa che l’obiettivo del «gruppo dei sindaci» guidato da Valeria Mancinelli (Ancona) e Romano Carancini (Macerata), ossia indiere le primarie per la scelta del candidato governatore del Pd nel 2020 è stato raggiunto. Lo statuto, infatti, prevede che almeno il 15% dei componenti dell’assemblea le richiedano.

E i numeri sono dalla parte dello sconfitto Petrini. Soddisfatta la Mancinelli: «Ad Ancona città Petrini ha raggiunto l’86,5%, in provincia il 76%. Una fortissima spinta al cambiamento, meno forte nelle altre provincie ma significativa a Macerata e Fermo, mentre Pesaro si è chiusa a catenaccio».