Cristiano Malgioglio in consolle al Noir Club
Cristiano Malgioglio in consolle al Noir Club

Jesi (Ancona), 14 gennaio 2018 - Quando si dice… 72 anni e non sentirli. Ecco, è assolutamente il caso di Cristiano Malgioglio. Il cantante, autore, paroliere e vip è ancora una bomba di energia pronta a brillare il sabato notte. Al Noir Club di Jesi sabato è stato lui il super ospite del Disorder Party, il primo del 2018 e con la chiara intenzione di lasciare il segno per i mesi a venire.

Il club jesino ha voluto inaugurare i Disorder Party alla grande e per questo ha invitato Cristiano Maglioglio, un personaggio che non ha assolutamente bisogno di presentazioni. Dall’apice del successo degli anni Settanta come cantante e autore, fino alle ritrovate luci dei riflettori come personaggio televisivo, commentatore e recentemente concorrente del Grande Fratello Vip dove ha fatto innamorare di lui anche i giovanissimi.

MALGIOGLIO_28165142_141234

 

Malgioglio è arrivato a Jesi per tempo e dopo cena si è subito recato al Noir, pronto a scatenarsi. Lo staff ha faticato non poco a reggere il suo ritmo, perché una volta entrato nel locale ha preso in mano la situazione auto eleggendosi re indiscusso del sabato notte. Malgioglio, microfono alla mano, ha salutato il grandissimo pubblico del Noir iniziando subito ad intonare i suoi grandi successi, tra cui “Mi sono innamorato di tuo marito”, l’ultimo singolo che sta spopolando non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

 

Poi un fiume in piena di battute, canzoni, abbracci e balli scatenati. E poi che look. Chiodo in pelle, guanti ovviamente in pelle e borchiati, occhiali da sole e l’immancabile ciuffo biondo, marchio di fabbrica dell’artista da sempre. Ma incredibile è stato l’affetto nei suoi confronti dimostrato dai fan. Malgioglio è stato preso d’assalto da tutti e lui si è concesso con grande simpatia per innumerevoli selfie, battute e persino qualche ballo in pista sui dischi per nulla pop del trio elettronico Le Strulle.

 

GFVIP_27107517_142244

Ma non riusciva proprio a stare lontano dalla consolle e appena poteva prendeva in mano il microfono per incitare la folla e intonare qualche sua hit. Insomma, era venuto al Noir Club per far divertire il pubblico, ma a divertirsi è stato sicuramente anche lui, uscito dal club stremato ma molto soddisfatto del calore dei fan anche giovanissimi. “A settant’anni vi sembra facile saltare, ballare e cantare? – ha detto Malgioglio salutando il Noir Club –. Voglio vedere voi alla mia età con questa energia!”. “È la prima volta che vengo qui e non mi aspettavo tanto entusiasmo, a volte penso che mi dimostrino molto più affetto oggi che nei primi anni di carriera, quando ero all’apice del successo. È una cosa bella, perché significa che tutti gli sforzi fatti sono stati compresi dal pubblico e mi riempie d’orgoglio”.