FABRIANO Fabriano-Jesi è una partita speciale perché le due città hanno fatto la storia del basket anconetano, dove hanno vissuto stagioni importanti militando per tanti anni nella massima serie della palla a spicchi. Prima Fabriano ha accusato la crisi, poi da un paio di anni anche Jesi ha dovuto alzare bandiera bianca. Entrambe la scorsa stagione si sono incontrate nel campionato di B e nell’unico incontro disputato il 22 dicembre del 2019 i cartai hanno battuto gli avversari difronte al grande pubblico che ha riempito le tribune del...

FABRIANO

Fabriano-Jesi è una partita speciale perché le due città hanno fatto la storia del basket anconetano, dove hanno vissuto stagioni importanti militando per tanti anni nella massima serie della palla a spicchi. Prima Fabriano ha accusato la crisi, poi da un paio di anni anche Jesi ha dovuto alzare bandiera bianca. Entrambe la scorsa stagione si sono incontrate nel campionato di B e nell’unico incontro disputato il 22 dicembre del 2019 i cartai hanno battuto gli avversari difronte al grande pubblico che ha riempito le tribune del PalaGuerrieri. Questa sera si affronteranno in mezzo a tanti imprevisti e difficoltà.

"Per quanto riguarda gli infortunati - esordisce Pansa - stiamo facendo il possibile con lo staff fisico e fisioterapico per rimetterli in piedi ma i tempi sono stretti. Jesi è una squadra che a me piace molto, con grande identità sia tecnica che morale e con una batteria di tiratori che possono spaccare in due la partita in ogni momento".

"In realtà - continua il tecnico - Jesi già domenica aveva assente il solo Magrini e non è detto che non lo recuperino per la gara… Da un punto di vista emotivo abbiamo spiegato bene anche grazie al nucleo dello scorso anno cosa rappresenta il derby per questa città e ci teniamo a regalare una soddisfazione speciale ai tifosi. Tecnicamente dovremo impedire loro di innescare i loro tiratori e di entrare nelle loro fiammate da 3 punti, mentre in attacco dovremo essere bravi a punire quello che loro ci concederanno con precisione e cinismo. Purtroppo non abbiamo avuto tempo per preparare nei dettagli la partita per cui cercheremo di affidarci al nostro sistema sia offensivo che difensivo adeguando alcune situazioni". Ci sono tanti giovani ma Gulini sta bruciando tutte le tappe...

"Gianmarco sta crescendo molto, adesso però deve continuare a lavorare con qualità (e lo farà sicuramente) e al contempo bisogna lasciarlo sereno. Sono altri i giocatori che in questa squadra devono assumersi responsabilità come peraltro stanno facendo. E’ importante che lui si faccia trovare pronto per dare un contributo come ha sempre fatto in queste prime uscite".

Dopo il coach ecco le dichiarazioni del gm Paolo Fantini: "Si gioca senza pubblico ed è ovvio che buona parte del fascino di questa partita si perde. È una gara che conta due punti e che noi dobbiamo cercare di conquistarli per continuare il periodo positivo in fatto di risultati. Si gioca a Jesi, cosa che purtroppo lo scorso anno non era potuta avvenire. Auguriamoci che sia una bella partita tra due società divise da una sana rivalità sportiva e da rispetto, soprattutto in memoria di una storia che riguardava l’allora Fabriano Basket e che per i due ambienti è sempre di gran fascino e sappiamo quanto i tifosi ci tengano".

Angelo Campioni