Quotidiano Nazionale logo
30 apr 2022

Senigallia, i playoff ora o mai più

La Goldengas anticipa a oggi il penultimo turno: vincere a Roma per sperare. Jesi senza obiettivi, Ancona per blindare il quinto posto

Ultima trasferta della stagione regolare per la Goldengas, la più importante. I biancorossi saranno infatti oggi alle 18 a Roma, per affrontare nell’anticipo la Luiss con una necessità quasi obbligata se si vogliono centrare i play-off: vincere. Senigallia infatti, nonostante il campionato al di sopra delle attese disputato, non è ancora sicura di trovare un posto tra le prime 8 che si giocheranno la A2, la classica ciliegina sulla torta: la Goldengas è settima con 32 punti assieme all’Ozzano, ma è in svantaggio negli scontri diretti con il Faenza, che, nono, insegue a sole due lunghezze mettendo a rischio la qualificazione. Nelle ultime due partite serviranno due successi per centrare i play-off, perché anche uno potrebbe non bastare e dunque oggi a Roma è praticamente una finale. Di fronte, una Luiss in grande forma: squadra giovanissima come da abitudine, quello costruito dalla nota università romana è il solito quintetto di cestisti talentuosi e frizzanti, magari un po’ inesperti, ma di certo senza timori reverenziali. La Luiss viene da quattro vittorie consecutive, ha vinto 9 delle ultime 12 partite giocate e in casa ha già battuto la capolista Roseto, oltre a violare il PalaPanzini all’andata. Fu una brutta partita da parte della squadra di coach Andrea Gabrielli, forse davvero l’unico black-out stagionale, nonostante il ko maturato in extremis e di misura (67-69). Roma può disporre di un roster lunghissimo, in cui i protagonisti spesso si alternano. Nell’ultima partita, vinta agevolmente contro Giulianova (86-64), coach Paccariè ha utilizzato tutti i 12 giocatori, 11 dei quali andati a canestro: occhio al talento del 2001 D’Argenzio, alla precisione dall’arco di Barbon, uno dei più pericolosi tiratori da tre del torneo (40%) e alla solidità di Legnini, ingaggiato a stagione in corso, 14 punti sabato scorso; c’è poi l’esperienza di Di Bonaventura, che nonostante i 24 anni è un po’ la chioccia del gruppo e il giocatore che più conosce la B, categoria in cui milita da anni. Arbitrano Rizzi di Trissino (Vi) e Curreli di Assemini (Ca). Diretta come sempre a pagamento nel canale della Lega LNP Pass.

Andrea Pongetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?