Quotidiano Nazionale logo
14 apr 2022

Tra Tiong e l’Ancona c’è di mezzo il Teramo

Stasera l’ultima sfida casalinga della regular season, poi la firma e il closing per il passaggio di proprietà: il magnate malese sarà allo stadio

giuseppe poli
Sport
I giocatori dell’Ancona salutano i tifosi presenti in Curva Nord: anche stasera, per l’ultima in casa della regular season, ci vorrà tutto il loro contributo
I giocatori dell’Ancona salutano i tifosi presenti in Curva Nord: anche stasera, per l’ultima in casa della regular season, ci vorrà tutto il loro contributo
I giocatori dell’Ancona salutano i tifosi presenti in Curva Nord: anche stasera, per l’ultima in casa della regular season, ci vorrà tutto il loro contributo

di Giuseppe Poli

Vincere per salutare nel miglior modo possibile il Del Conero nella stagione regolare, per tentare di riconquistare il sesto posto, per prepararsi al meglio al finale di stagione. Ma anche per fare un regalo a Tony Tiong, che dopo il closing con cui diventerà ufficialmente il nuovo patron dell’Ancona Matelica, nei prossimi giorni tornerà tra Hong Kong e Tokyo, dove sono basati la sua vita e i suoi affari. Stasera al Del Conero alle 21 va in scena il penultimo atto della stagione regolare, poi la pausa pasquale e, infine, il derby di Pesaro contro la Vis, in programma sabato 23. Intanto c’è il Teramo, squadra virtualmente salva, che ha giocato un grande girone di ritorno, tra le migliori, e che, a testimonianza di tutto ciò, è reduce da cinque risultati utili consecutivi. Teramani a quota 42 punti, dunque 9 meno dell’Ancona, ma decisi a conquistare stasera un altro risultato positivo, anche perché l’ultima di regular season li vedrà opposti alla Reggiana che, in caso di vittoria sull’Entella, se il Modena non dovesse vincere a Gubbio, si giocherebbe le ultime chances di promozione diretta proprio nella gara di Teramo.

La squadra di Guidi nelle diciassette partite del girone di ritorno ha conquistato 1,35 punti a partita. Ha perso con il Modena, con la Virtus Entella, con il Cesena, ha perso anche a Imola, a Siena e in casa con il Montevarchi, ma per il resto ha disputato un gran bel girone di ritorno. Dopo lo 0-4 in favore dell’Ancona a Teramo e il successivo 5-0 rifilatole dalla Reggiana, la squadra di Guidi ha cominciato un percorso che l’ha portata a conquistare 23 punti in 17 partite, contro i 19 in 19 gare del girone di andata. Questo è l’avversario contro cui l’Ancona misura stasera le proprie giustificate ambizioni di successo e il suo stato di forma in vista degli impegni futuri. La squadra, pochi giorni fa a Siena, ha dimostrato di avere ancora belle cose da dire, in questo campionato, di potersi divertire e di poter divertire il pubblico. L’iniziativa dei biglietti a prezzi popolari voluta dalla società per avvicinare la città e i suoi sportivi, famiglie comprese, alla squadra in occasione della partita di stasera, potrebbe portare al Del Conero un gran numero di persone, visto anche che domani le scuole saranno chiuse per l’inizio delle festività pasquali.

L’Ancona guarda avanti: verso i playoff, prima di tutto, verso il suo futuro e la prossima stagione, entrando ufficialmente nell’era targata Tony Tiong, che stasera seguirà la partita al Del Conero insieme a Roberto Ripa, nuovo amministratore delegato della società. Si avvicina il momento in cui la rinnovata proprietà comincerà a programmare impegni e lavoro per il futuro, a cominciare dal progetto per la realizzazione dei campi di allenamento con annesse strutture dedicate a spogliatoi, magazzini, uffici, forse anche foresteria. Di mezzo c’è la partita di stasera e concluderla facendo risuonare nuovamente l’Aida sarebbe il modo migliore per guardare oltre questo campionato con rinnovato ottimismo.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?