Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
18 mag 2022

Una Goldengas a corto di fiato viene travolta a Bisceglie

18 mag 2022
Un momento della gara di ieri
Un momento della gara di ieri
Un momento della gara di ieri
Un momento della gara di ieri
Un momento della gara di ieri
Un momento della gara di ieri

lions bisceglie

83

goldengas senigallia

57

LIONS : Fontana 9, Dron 11, Dri 14, Enihe 10, Dip 8; Provaroni, Mastrodonato, Giunta 4, Giannini 2, Vavoli 9, Seck 16. All. Nunzi

GOLDENGAS SENIGALLIA: Giacomini 8, Terenzi 1, Bedetti, Varaschin 14, Bedin 7; Giuliani, Calbini 14, Gnecchi 10, Rossini 3, Venturi, Cicconi Massi. All. Gabrielli

Arbitri: Ragionieri di Bologna e Bianchi di Trento

Parziali: 23-22 47-34 67-47 83-57

Una Goldengas a corto di uomini ed energie cede nettamente nella gara 2 dei quarti di finale play-off contro il Bisceglie, che a differenza di 48 ore si impone al PalaDolmen 83-57: serie sull’1-1, ma ora ci si sposta a Senigallia, dove la Goldengas, con l’aiuto del PalaPanzini, giocherà due partite con l’obiettivo di ribaltare il pronostico e accedere a una storica semifinale, che manca dal 2011-12 nonostante le ripetute qualificazioni ai play-off, ben otto consecutive con quella di quest’anno. Si segna tanto nel primo quarto, anche se soltanto da due (zero triple da ambo le parti) e i Lions chiudono avanti 23-22. É nel secondo periodo però che i padroni di casa fanno vedere il loro gioco migliore, valso il terzo posto nella stagione regolare nel girone D: i canestri di Vavoli e Dri costringono coach Gabrielli al time-out sul primo vero tentativo di fuga dal quintetto pugliese dall’inizio della serie (40-31 al 16’). Senigallia è in rottura prolungata in attacco e per la prima volta non ha l’intensità a cui ha abituato per tutta la stagione: inoltre, e non è la prima volta, le percentuali dalla lunetta sono troppo deficitarie. Bisceglie, con già 9 uomini a canestro, chiude avanti meritatamente al riposo lungo dopo un secondo periodo vinto nettamente (24-12): 47-34. La mattonella dall’angolo di Dip porta i locali al nuovo massimo vantaggio sul +16 (55-39 al 24’) contro una Goldengas che ha Bedin ancora una volta con problemi precoci di falli, un guaio per un quintetto che non ha Giannini infortunato e che nel corso del match perde pure Cicconi Massi, che si fa male da solo: il 67-47 del 30’ pare già una sentenza sul match. L’arresto e tiro di Fontana fissa il +21 per i pugliesi (71-50 al 32’) costringendo nuovamente al time-out Gabrielli ma il match se ne sta ormai andando. Senigallia perde Bedin per 5 falli, compiuti in appena 12 minuti sul parquet e poi anche un nervoso Giacomini; quindi, si fa male pure Bedetti e la Goldengas rimane con i giocatori contati e un manipolo di under per finire la partita. Senigallia fa debuttare il 2005 Venturi, alla seconda presenza assoluta a referto dopo quella di domenica, e alla fine cede 83-57. In queste condizioni fisiche (l’infortunio di Bedetti non sembra leggero) tra due giorni e domenica prossima servirà un’impresa davanti al pubblico amico.

Andrea Pongetti

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?