Ganz in uscita
Ganz in uscita

Ascoli, 25 luglio 2019 - Il clamoroso dietrofront di Murawsky ha caratterizzato la serata di ieri quando ci si aspettava in realtà la firma dell‘ormai ex calciatore del Palermo. Con la ratifica della mancata iscrizione della squadra siciliana da parte della Figc che ha svincolato tutti i tesserati rosanero, infatti, ieri ci si aspettava la firma del contratto del calciatore ormai dato per certo in bianconero.

E invece è arrivata una brusca frenata che rischia di compromettere tutto l’affare. È stato lo stesso ds Antonio Tesoro a spiegare cosa è successo: «Murawsky oggi avrebbe dovuto firmare per l’Ascoli – ha detto –, dopo essersi allenato con noi, fatto le visite mediche e trovato l‘accordo alla presenza dei rispettivi avvocati. Nel momento in cui il Palermo lo ha svincolato, però, è arrivata un’offerta dalla Turchia con un ingaggio triplo rispetto a quello proposto dall’Ascoli e il ragazzo ha preso tempo. Non ne avrà molto. È intenzione della società di corso Vittorio Emanuele infatti ricorrere alle vie legali qualora non dovesse essere rispettato l’accordo che era stato preso tra le parti, perché tutto era ormai definito. Spero quindi – ha concluso Tesoro – che prevalga la ragionevolezza».

Arrivo complicato quindi quello di Murawsky, ma la buona notizia potrebbe arrivare dalle partenze. Ieri il Como ha convocato per oggi la stampa locale per una ‘conferenza in cui saranno annunciate novità importanti’. L’appuntamento è previsto in giornata. L’oggetto non è stato reso noto ma il sentore dei giornalisti lombardi è che sia la volta buona per l’annuncio dell’ormai conclusa trattativa con l’attaccante Simone Andrea Ganz. Il figlio d’arte e l’Ascoli hanno infatti ormai raggiunto l’accordo con il Como per il trasferimento a titolo definitivo. Ganz, che con i bianconeri ha ancora un contratto fino al 2021, ha dato la sua disponibilità a ‘spalmarsi’ l’ingaggio su tre anni.

Le cifre non sono state rese note ma a quanto pare l’Ascoli e il Como comparteciperanno, circa, al 50%. Per il club di corso Vittorio Emanuele quella portata (quasi) a termine da Tesoro è un’operazione di grande valore e di convenienza per tutti. Per l’Ascoli che nel medio periodo vede all’orizzonte un bel risparmio, il Como che otterrebbe un giocatore, al di là di tutto, in grado di poter fare la differenza in C e, infine, lo stesso Ganz che ritroverebbe minutaggio e fiducia. A Como infatti l’attaccante ha lasciato un ottimo ricordo: nel 2014/2015, a 21 anni, fu tra i protagonisti della vincente stagione che vide i lariani tornare in serie B. Ganz mise insieme 11 reti in 35 presenze.